Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
17 novembre 2016

Chievo, Castro: "Cagliari partita più importante"

print-icon
chi

Lucas Castro esulta dopo un gol con il Chievo (Getty)

Il Chievo continua a lavorare in vista del prossimo impegno di campionato contro il Cagliari. E Lucas Castro ha analizzato il momento suo e della squadra di Maran in conferenza stampa. 

L’inizio è stato splendido, con due gol (tra l’altro entrambi da sei punti) e un assist decisivo per Inglese, nel match contro il Pescara. Poi un calo, vistoso, da parte di tutti. Lucas Castro compreso. ‘Il pata’ - soprannome che significa ‘zampa’ - che è un grande appassionato di musica e chitarra vuole far tornare la musica giusta in quel di Verona, sponda Chievo. E attende il Cagliari, prossimo avversario di campionato.

Così in conferenza stampa: "Abbiamo ricaricato le batterie. Abbiamo fatto una settimana senza partite, lavorando per la partita che sta arrivando. Siamo sereni. Certamente è la sfida più importante che abbiamo perché dopo aver perso qualche punto alla nostra portata, contro il Cagliari abbiamo la possibilità di sfidare una squadra di pari livello e scalare un po' la classifica. Due punti nelle ultime cinque? E’ un po’ calata la media, tanto. Infatti stiamo aspettando questa partita perché sappiamo che possiamo fare bene, giochiamo in casa. Quindi dobbiamo essere sicuri di quello che facciamo e cercare di vincere. Cos’è cambiato? Forse ci conosco di più adesso. Contro Bologna ed Empoli abbiamo dominato e potevamo anche vincere ma non ce l’abbiamo fatta. Forse colpa nostra, forse la situazione. Noi stiamo bene, vogliamo tornare a fare punti. Personalmente sono ambizioso, voglio sempre di più Ho avuto un buon inizio poi sono calato, come tutti. Adesso bisogna riprendersi tutti. Chievo-Cagliari mini Brasile-Argentina considerate le due rose? Si può essere! Basta non fare la fine dell’Argentina, questa volta vogliamo vincere noi. Il più argentino della rosa che non lo è? Hetemaj corre, lotta, può essere un esempio. Cagliari peggior difesa d’Italia e d’Europa? Ne parleremo con il nostro allenatore, ci dirà lui dove e come entrare per fargli male. Certamente è una loro debolezza. Ma io penso solo a vincere, dobbiamo sfruttare il fattore casa. Dobbiamo fare in modo di vincere, assolutamente. Magari i primi minuti vedranno come ci muoviamo noi ma francamente penso arrivino al 'Bentegodi’ molto motivati, vedranno Chievo-Cagliari con i nostri stessi occhi, come un’opportunità di fare punti e superarci”.

La squadra di Maran prosegue il lavoro di preparazione alla partita allo Sport Hotel Veronello. Giornata di allenamento tra attivazione tecnica individuale e a coppie, fasi di gioco in preparazione alla partita e combinazioni al cross con conclusioni in porta. Sabato non sarà della partita il difensore Dario Dainelli causa squalifica. Resta in diffida lo sloveno Bostjan Cesar. Per il Cagliari sarà squalificato Daniele Dessena, fermato dal giudice sportivo per due giornate, mentre Gianni Munari è l’unico giocatore rossoblù diffidato. Domani i gialloblù svolgeranno la consueta rifinitura tecnica, che si svolgerà a porte chiuse, prima della sfida di sabato alle 15.00 al Bentegodi.