Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 novembre 2016

Bologna, torna Mirante: c'è idoneità agonistica

print-icon
09_

Antonio Mirante con la maglia del Bologna (Getty)

L'incubo è finito. Dopo i problemi cardiaci che lo hanno costretto a fermarsi a inizio settembre, il portiere del Bologna ha ottenuto il certificato di idoneità agonistica

Una breve nota ufficiale che vale mille emozioni. "Il Bologna Fc 1909 comunica che Antonio Mirante ha ottenuto il certificato di idoneità per riprendere l’attività agonistica. #BentornatoAntonio!”. La notizia più attesa in casa Bologna è arrivata: finalmente Antonio Mirante. Ancora una volta Antonio Mirante. Più forte, come giocatore ma soprattutto come uomo.
L’incubo iniziò a fine agosto - proprio all’ultimo giorno di mercato, a ridosso del gong - quando il portiere si dovette fermare per un problema al cuore, dopo la partita persa a Torino. In quelle ore tremendamente convulse si era temuto addirittura il peggio, che la carriera di Mirante fosse a rischio. Timore poi fortunatamente scongiurato. Per cautelarsi, il Bologna era comunque tornato sul mercato alla ricerca di un portiere disponibile che potesse garantire il proprio supporto tecnico alla squadra di Donadoni. Arrivò Gomis. Ma club, allenatore, squadra e tutta la gente di Bologna non aspettava altro che il suo ritorno, per una questione d’affetto, amore. Oltre il calcio.

I rossoblù lo hanno aspettato, l’ambiente non lo ha mai lasciato solo. E Mirante ha lottato fino ad oggi, fino alla certezza di poter tornare a giocare, la sua passione più grande. Il portiere ha appreso la notizia durante l’allenamento di questa mattina a Casteldebole a cui ha presenziato anche Umar Sadiq, rientrato in gruppo. L’abbraccio dei colleghi è stato spontaneo e immediato, il sorriso stampato nel suo volto è valso più di qualsiasi altro comunicato. “Stasera usciamo ragazzi” dichiara davanti alle telecamere del club. Si festeggia. Meglio di uno scudetto. Perché l’incubo è finito, Mirante può rivedere il campo e contro il Palermo sarà convocato anche se è presto per dire se possa tornare già subito come titolare. Nelle prossime ore Donadoni valuterà la situazione con Luca Bucci, il preparatore dei portieri. Ma la notizia più importante è già arrivata.