Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
27 novembre 2016

Gasperini: "Noi il Leicester? In Italia difficile"

print-icon
Gian Piero Gasperini

Gian Piero Gasperini, protagonista di una straordinaria stagione con l'Atalanta (foto Getty)

L'allenatore dell'Atalanta si gode un momento da favola: "Se dicessi che me lo aspettavo, direi una bugia. La Juventus? Proviamo a fare punti, ma dopo oggi saranno arrabbiati..."

A fine partita l’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, ha commentato la vittoria della sua squadra in trasferta contro il Bologna. Cominciando dal prossimo avversario, però. La Juventus, avvicinata oggi in classifica proprio da Gomez e compagni: “Direi una bugia se dicessi che mi aspettavo di essere qui a questo punto, con una classifica così importante e così vicini alla Juventus. Ci arriviamo nel nostro migliore momento alla prossima partita, penso che loro dopo oggi siano un po’ arrabbiati però. E non so se sia la cosa migliore per noi, proveremo ad andare a giocarcela là. Speriamo - prosegue l’allenatore dell’Atalanta - che sia la volta buona per fare punti allo Stadium”.

L’Europa? Qualcosa di più? Gasperini parla degli obiettivi della sua squadra: “Continuo a ripetere che è difficile fare dei pronostici, ogni settimana però facciamo un passo avanti. Oggi non era una partita facile dopo una settimana di complimenti per la vittoria contro la Roma, nella globalità della gara abbiamo fatto veramente bene. Anzi, forse abbiamo concretizzato poco”. Atalanta come il Leicester? “Questo ritornello ce lo stanno appioppando un po’ tutti, in Italia però - aggiunge Gasperini - credo sia molto difficile. Siamo felici di quello che stiamo facendo, giochiamo ogni gara così. E’ fantastico per tutti noi vedere questi ragazzi giocare così”.

Poi, lo sguardo va già alla gara contro la Juventus: “Noi andremo a Torino senza snaturare le nostre caratteristiche, anche se giocare queste partita in casa è diverso. Certe squadre se hai la forza di aggredirle ti possono soffrire. Noi lavoriamo molto su ogni singolo giocatore, anche sul piano atletico. Quello che conta però - ricorda l’allenatore dell’Atalanta - è il piano tecnico”. Infine, un messaggio al “suo” Genoa che ha battuto a Marassi la Juventus: “Sono molto contento, immagino che a Genova oggi abbiano fatto una partita da Grifo. Sono contento per Ivan e per tutto l’ambiente. Poi saranno arrabbiati gli altri…”, conclude Gasperini.