Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
05 dicembre 2016

Chievo-Genoa, Maran: "Sfortuna! Meritavamo di più"

print-icon
16_

L'allenatore del Chievo Rolando Maran (getty)

Il Chievo di Maran sbatte contro il muro del Genoa di Ivan Juric e raccoglie un solo punto per la sua classifica. Birsa sbaglia un rigore, palo di Ninkovic

Alle volte è tutta questione di episodi, dettagli. Che se favorevoli, possono svoltare una partita intera. Vedere Chievo-Genoa per credere, con un rigore di Birsa - sbagliato - che di fatto non ha sbloccato una partita poi terminata a reti bianche. Rolando Maran torna sul misfatto ai microfoni di Sky Sport: “Sinceramente Valter non ha mai battuto un rigore così, non capisco il perché, oggi, abbia cambiato modo. Forse bisognerebbe chiederlo a lui. Al di là del rigore sbagliato, non gli ho mai visto scegliere quel tipo di soluzione. Purtroppo succede anche ai più bravi ma noi dobbiamo andare avanti, non bisogna piangersi addosso e recriminare su questo nell’analisi complessiva della partita”. L’allenatore del Chievo racconta la sua partita. "Incontravamo un buon Genoa, però per alcuni tratti della partita siamo stati molto pericolosi. Abbiamo avuto, rigore compreso, le occasioni da rete più grandi e clamorose. Abbiamo sofferto nella parte centrale del secondo tempo, e ok; però c'è stato un solo vero tiro in porta del Genoa. Dispiace perché la squadra ha interpretato la partita come avevo richiesto. Il Genoa non è un avversario facile da incontrare, è mancato solo il gol. Se oggi qualcuno doveva vincere, quella squadra era il Chievo”.

Un Chievo che fatica a segnare. "Dipende dalle partite. Oggi abbiamo avuto pali, rigore sbagliato: non sono soluzioni sbagliate, gira un po' così. I miei attaccanti si stanno facendo valere sotto tutti i punti di vista. Hanno creato occasioni per vincere, purtroppo non è andata bene”. A gennaio, nuovi acquisti? "Secondo me la nostra classifica dovrebbe essere diversa. Però se abbiamo questa forse ci meritiamo queste. Io penso che un allenatore debba concentrarsi sugli attaccanti che ha. Peraltro quelli che ho fanno un lavoro incredibile. Sono convinto che è un momento che passerà”.