Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
07 dicembre 2016

Closing prorogato, a Berlusconi altri 100 milioni

print-icon

Con un comunicato stampa, Fininvest e il gruppo Sino-Europe Sports hanno ufficilizzato la proroga fino al 3 marzo del closing della trattaiva di cessione della società rossonera. A Berlusconi andranno come caparra altri 100 milioni dopo quelli già versati lo scorso 6 settembre

Proroga e caparra - 100 milioni per prorogare e crederci ancora. Entro il prossimo 12 dicembre la Sino-Europe Sports, la società cinese che vuole acquisire il Milan, dovrà pagare a Silvio Berlusconi una seconda rata di acconto (dopo quella già sborsata il 6 settembre) in cambio della proroga concessa dal presidente del Milan e ufficializzata oggi da un comunicato congiunto. "Fininvest e Sino-Europe Sports", si legge nella nota "hanno raggiunto un accordo che proroga al 3 marzo 2017 il termine entro il quale realizzare il closing relativo alla compravendita della partecipazione detenuta dalla stessa Fininvest nell’AC Milan. L’accordo, approvato dal Consiglio di Amministrazione di Fininvest riunitosi successivamente, prevede che entro il 12 dicembre Sino-Europe Sports accrediti a Fininvest un’ulteriore caparra di 100 milioni di Euro, dopo i 100 milioni di Euro già versati alla firma del contratto di compravendita”.

 

Altri 320 milioni - Slitta, dunque, ma non salta il closing societario, come proseguono a ribadire dal fronte asiatico della trattativa, dove l’ottimismo continua a essere di casa. E a dimostrazione di ciò ci sono proprio gli ulteriori 100 milioni con i quali la Ses ribadirà il suo impegno nei confronti di Silvio Berlusconi. Certo che a questo punto, tra incertezze e dubbi che si continuano ad autoalimentare, per sentenziare l'ufficilità del rinvio bisognerà prima attendere il 12 dicembre, termine ultimo entro il quale poter versare la seconda caparra che arriverà da istituti di credito europei e non asiatici. Poi sarà una nuova corsa contro il tempo, questa volta più comoda considerati i due mesi e mezzo a disposizione, per raccogliere gli ulteriori 320 milioni. Il termine fissato dal comunicato è quello del 3 marzo, anche se le autorizzazioni bancarie (finora mai pervenute) dovranno arrivare entro il 28 febbraio. Dalla Cina sono certi: il closing si farà e potrebbe arrivare anche prima della data fissata. 

Il riassunto dei numeri della trattativa

  • 5 agosto: versati i primi 15 milioni (due rate: 4+11)
  • 6 settembre: 85 milioni
  • Entro il 12 dicembre: 100 milioni
  • Entro il 3 marzo: 320 milioni
  • Totale: 520 milioni (quotazione del club)

 

Tra mercato e Roma - Berlusconi nel frattempo si tutelerà con ulteriori 100 milioni, che comunque non verranno investiti sul mercato a meno di un regalo presidenziale di felice 2017. Galliani, però, nei giorni scorsi era stato chiaro: il Milan dovrà fare ancora una volta di necessità virtù e autofinanziarsi la sessione invernale, con Luiz Adriano e soprattutto Bacca i nomi buoni per fare cassa. Il colombiano intanto anche oggi si è allenato a parte per il problema muscolare al flessore della coscia destra, ma visto il grande periodo di Lapadula, anche nel caso di un recupero, il colombiano dovrebbe partire dalla panchina contro la Roma. Al suo fianco da una parte Suso e dall'altra Niang, che ieri ha parlato sottolineando il lavoro fatto da Montella nei suoi confronti. Allenamento differenziato anche per Mati Fernandez e Bonaventura, anche se il centrocampista italiano ha comunque ottime possibilità di partire da titolare lunedì sera. 

Berlusconi al San Raffaele - Intanto questa mattina Silvio Berlusconi è stato ricoverato in day hospital all'ospedale San Raffaele di Milano per sottoporsi a una serie di accertamenti a causa di un battito irregolare del cuore registrato negli ultimi giorni. Controlli di routine, che non destano preoccupazione secondo quanto riferito dal medico personale di Alberto Zangrillo, che ha accompagnato al San Raffaele il presidente del Milan: “Siamo di fronte a un macchina di Formula 1: straordinaria, ma che ha bisogno di essere controllata. In questo caso, stiamo facendo un piccolo check ai box”.