Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 dicembre 2016

Giampaolo: "Sono contento, Lazio più forte"

print-icon
marco_giampaolo_sampdoria_getty

Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria (Getty)

I blucerchiati, che non perdevano dallo scorso 26 ottobre, escono sconfitti da Marassi nonostante il grande sforzo del secondo tempo. L'allenatore: "Ci sono sconfitte e sconfitte, siamo stati generosi e bravi a non perderci dopo il doppio svantaggio. Schick? E' giovane ma ha grandi qualità"

Si ferma dopo sei partite la striscia di risultati utili consecutivi della Sampdoria, la squadra di Giampaolo ha perso 2-1 in casa contro la Lazio. Inutile il gol di Schick, i blucerchiati non riescono a rimontare le reti di Milinkovic-Savic e Parolo. La formazione genovese resta dunque a quota 22 punti. Così l’allenatore Giampaolo ha analizzato la gara ai microfoni di Sky Sport: "Non è stata la solita Samp? non sono d’accordo - ha detto l’allenatore - la Lazio è una squadra forte, fisica, che è venuta a giocare con grande personalità, ha giocatori di grande esperienza e quando incontriamo avversari forti troviamo più difficoltà, è normale. Abbiamo fatto solita partita generosa con grande intensità fino alla fine senza lasciare niente per strada. Abbiamo concesso qualcosa come era logico".

"Bravi a non mollare"
- "Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio, sotto di due gol potevamo anche perderci, invece siamo stati compatti e ordinati e abbiamo creato le occasioni per mettere tutto a posto. Obiettivamente sono contento e riconosco forza avversario. Se speravo in un nuova rimonta? I ragazzi ci hanno abitato a questo, ce l’hanno nel DNA e magari capitasse sempre, però sarebbe meglio non andare sempre sotto. Importante aver agito, servirà per la nostra crescita. Il centrocampo alla fine era tutto nuovo e giovane e quindi va bene così, fa parte del nostro percorso e c’è modo e modo di perdere. Non ci siamo mai lasciati andare. Le punte sono state meno coinvolte, sapevo che Immobile avrebbe provato a schermare Torreira e così è stato. C’era poco spazio e dovevamo essere veloci con verticalizzazioni palla a terra sugli attaccanti. In tante situazioni siamo arrivati un po’ dopo, così loro finivano per accorciare. C’era anche l’alternativa della palla sopra che abbiamo tentato più volte con i difensori".

"Schick può migliorare ancora" - "Sapevo delle intenzioni della Lazio, ma devo dire che anche l’avversario ha l’esperienza per leggere queste cose. Ci servivano forza e intelligenza per provare a giocare questa gara alla pari per provare a vincere mantenendo l’equilibrio. Qualcosa ci è mancato e un attimo prima che subissimo il secondo gol avevo detto a Barreto di provare ad andare all’intervallo sull’1-0, e invece… Comunque il 2-0 non ci ha ammazzati, siamo stati bravi a cercare la reazione ed abbiamo creato l’opportunità di rimettere tutto a posto. Schick ha colpi, numeri, dribbling rapidi e secchi e tiro immediato. A volte esagera quando sarebbe meglio giocare ma ha 20 anni e grande personalità. Migliorerà, è un giocatori di grande prospettiva", ha concluso Giampaolo.