Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 dicembre 2016

Adl: "Dries vale Higuain". E a cena grande festa!

print-icon

Il presidente del Napoli punzecchia il Pipita e si gode il suo bomber: "Ora non potete più parlare di falso nueve". Il belga si gode il suo giorno da favola: "Un gol alla Diego? Diciamo che devo ancora lavorare un po'..."

"Abbiamo chiuso bene e ora non potete più parlare di falso nueve". Così Aurelio De Laurentiis ha salutato in sala stampa i giornalisti facendo gli auguri di Natale al termine di Napoli-Torino. Il presidente azzurro, soddisfatto, ha però confermato tra le righe il probabile arrivo di Pavoletti, quando un cronista gli ha chiesto se con l'esplosione di Mertens al Napoli serva un altro nueve. "Come, non serve?", ha risposto De Laurentiis.
Prima di lasciare la sala stampa, De Laurentiis ha poi punzecchiato Higuain chiedendo ai giornalisti, riferendosi a Mertens: "Allora ha fatto dieci gol. Come Higuain?".

Mertens: "Io come Diego? Devo lavorarci" - E cosa dice il diretto interessato? Il fenomeno del momento, Dries Mertens commenta così il poker al Toro: "Se mi rendo conto di quello che ho fatto? No, devo prima andare a casa e pensare un po'. Sono solo molto contento e voglio continuare da dare tutto". Arriva poi un paragone che il belga prende con il sorriso: "Un gol alla Diego? Diciamo che devo ancora lavorare un po'". Quanto al suo ruolo, prima punta o esterno, Mertens non sceglie: "Mi sento bene a giocare in questa squadra, stiamo facendo un grande lavoro e il mister ci sta portando ad avere il suo gioco, secondo me quello perfetto per questa squadra".

E' qui la festa - Dopo la vittoria contro il Torino, la squadra si è ritrovata in un ristorante del Vomero per la consueta cena di Natale, occasione per festeggiare anche la splendida prestazione contro la squadra di Mihajlovic. Presenti tutti i giocatori, con Mertens che si è presentato a cena con il pallone della tripletta ancora sotto il braccio. Clima di grande divertimento tra i tavoli, dove cori canti e balli l'hanno fatta da padrone. Fino al più classico dei treniti, testimoniato anche da questo video postato sul profilo twitter ufficiale della società