Nestorovski: "Studio Inzaghi, sarò re dei bomber"

Serie A
Nestorovski, Palermo (Getty)

L’attaccante del Palermo ha raccontato in esclusiva a Sky Sport il suo 2016, anno ricco di riconoscimenti e il primo in Serie A della carriera

Pulito, umile, sorridente. Ilija Nestorovski è diventato in pochi mesi l’idolo di Palermo, grazie al suo spirito e - soprattutto - grazie ai sette gol segnati nel primo spezzone di Serie A della sua carriera. La quota salvezza è lontana quattro punti per i rosanero e con il macedone così in forma sperare di raggiungere almeno il sedicesimo posto è lecito. In esclusiva per Sky Sport, il classe 1990 ex Inter Zapresic ha raccontato il suo 2016 e i suoi obiettivi per il futuro.

Anno di gloria - Capocannoniere e nella Top 11 del campionato croato, debutto in nazionale maggiore e calciatore macedone dell’anno. In più, un inizio di stagione da ricordare con il Palermo. Questo, in breve, il 2016 di Nestorovski: “È stato un anno indimenticabile per me, pieno di riconoscimenti. Ed è stato ancora più splendido perchè ho firmato con il Palermo. In più, ho ricevuto anche la notizia che diventerò nuovamente papà e per questo la mia vita non sarà più la stessa.

Serie A, critiche, gol - Dopo i primi mesi in Italia, il macedone può dirsi soddisfatto: "Speravo che il mio impatto con la Serie A fosse così positivo: ho sempre cercato di dare il meglio di me, anche se spesso non è bastato. Devo cercare di migliorarmi, sempre. Menomale che all’inizio parlavo poco l’italiano e non capivo le critiche (ride). Il miglior modo di rispondere è sul campo. Sono sempre onesto con me stesso: quando merito un voto basso lo dico e ammetto di non aver giocato bene. Lavorare, sudare e fare gol: è questo il mio modo di rispondere a chi non crede in me” Tra i momenti indimenticabili del 2016 di Nestorovski c’è certamente quello relativo al gol all’Italia, nonostante alla fine non sia servito a raccogliere punti: “Quello a Buffon è stato un gol importante, per la Macedonia e anche per me. E, specialmente, per coloro che nutrivano dei pregiudizi nei miei confronti e nei riguardi della mia nazionale. Ce la siamo giocata contro calciatori del calibro di Bonucci, Chiellini e Barzagli".

Un "maestro" a Palermo - "Mi chiamano così perchè mi ritengono un maestro di calcio", ha raccontato. "Se devo scegliere un calciatore a cui ispirarmi dico Pippo Inzaghi, ma è ancora presto per paragonarmi a lui. Io adesso devo soltanto lavorare: a oggi sono solo Ilija Nestorovski. Di Palermo mi piace tutto, soprattutto l’arancina (ride). Non posso esprimere a parole ciò che sto vivendo in questi mesi: è davvero una storia speciale e potevo solamente sognare di ricevere un’accoglienza del genere. Il mio obiettivo per il 2017 è cercare di giocare più gare possibili e provare a segnare più gol possibili per salvare la squadra. Ringrazio tutti coloro che pensano che sia un simbolo del Palermo, ma non voglio nemmeno che si esageri perchè il calcio è uno sport di gruppo e non uno individuale. A Genova, per esempio, abbiamo fatto quattro gol e io nemmeno uno. Voglio che si ripeta questo: vince il gruppo. Perchè se io segno e perdiamo, sto male. Futuro? Mi vedo qui a Palermo, magari a lottare per obiettivi diversi. Il mio sogno è diventare il capocannoniere della Serie A, nessuno mi toglierà mai questo sogno”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport