Bologna, verso il Crotone: Verdi ancora out

Serie A
Roberto_donadoni_Bologna_getty

Dopo il 3-0 dello Stadium contro la Juventus, i rossoblu si preparano alla delicata sfida di Crotone. Ancora terapie per Verdi e Sadiq, a parte Helander. Intanto Donadoni ammette: "Mi piacerebbe allenare all'estero"

Un buon primo tempo contro la Juventus, poi l’inevitabile crollo. Il Bologna riparte dal 3-0 subito contro la Juventus: in testa c’è la prossima di Serie A, sabato alle 18.00 sul campo del Crotone. Nonostante i 10 punti di vantaggio sui calabresi, la gara si presenta comunque delicata. "Ho usato giocatori che stanno rientrando gradualmente, ci sono tanti ragazzi interessanti e cerchiamo di sfruttare le loro capacità. Devono mettersi in mostra. Torneranno utili”, ha detto Donadoni dopo la sfida contro i bianconeri.

Punto infortunati - A Casteldebole continuano gli allenamenti della squadra. Tra coloro che ancora devono rientrare c’è Simone Verdi, uno dei più positivi in campionato prima dell’infortunio: “Mattinata di sole a Casteldebole e seduta per i rossoblù in preparazione al Crotone BFC. Riscaldamento atletico, esercitazioni tecniche e partitella a campo ridotto. Allenamento a parte per Filip Helander, terapie per Simone Verdi e Umar Sadiq”.

Mercato - L’operazione rinforzo è comunque all’ordine del giorno per il Bologna. Il primo arrivato è Petkovic: il talento classe 1994 del Trapani è pronto a firmare con i rossoblu. Tra le trattative ancora in corso c’è quella che porta ad Alessio Cerci, nonostante le difficoltà per trovare l’accordo con l’Atletico Madrid. In uscita, invece, Sergio Floccari: la SPAL attende la risposta del centravanti ex Lazio. Si registra, inoltre, l’interesse del Monaco per Adam Masina.

Donadoni - Intanto, l'allenatore rossoblu ha parlato anche del suo futuro: "Oggi sono l'allenatore del Bologna, sono felicissimo qui e sono estremamente motivato per questo progetto. Ovviamente non posso nascondere la mia fede rossonera, ma un conto è il sentimento, un altro la professione. Non bisogna confondere le due cose. Quindi, se in futuro dovesse eventualmente arrivare una chiamata dall'Inter con un progetto interessante sul tavolo, beh... lo valuterei certamente. E non mancherei di rispetto a nessuno. Futuro all'estero? Sì, assolutamente. C'è già stata qualche occasione in passato, poi non si è concretizzata. Sicuramente è una prospettiva che mi piace".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche