L'Inter mette la sesta, a Palermo basta Joao Mario

Serie A

Michele Mastrogiacomo

Con un gol del portoghese al 65', la squadra di Pioli batte 1-0 i rosanero e trova la sesta vittoria consecutiva in campionato, scavalcando il Milan (che però ha una partita in meno) e tornando a meno 5 dal Napoli terzo in classifica. I nerazzurri continuano così la loro rincorsa a un posto in Champions League 

IL TABELLINO  LE PAGELLE

PALERMO-INTER 0-1
(65' Joao Mario)

Candreva crossa, Joao Mario segna e l’Inter esulta. Per la sesta volta di fila, continuando a inseguire quel sogno chiamato Champions League. E’ tutta racchiusa nell’asse italo-portoghese disegnato da Pioli la storia di un Palermo-Inter che i nerazzurri, se mai riuscissero a conquistarla, ricorderanno di certo come una delle tappe fondamentali sulla strada che li sta avvicinando all’Europa dei grandi. Quella con le stelle a la musica che mette i brividi prima di ogni partita. Perché vincere a Palermo non era di certo opera semplice per i nerazzurri. La squadra di Corini, nonostante la crisi, gli 8 punti di distanza dalla zona salvezza e l’insofferenza di un presidente che minaccia rivoluzioni per poi lasciare tutto invariato, si era presentata al Barbera ben disposta in campo e assolutamente determinata a lottare su ogni pallone per tutti i novanta minuti. Ma l’Inter, oramai sospinta dalle sue nuove certezze, l’ha affrontata da squadra matura e ordinata, attaccando con forse troppa calma nel primo tempo e colpendo inesorabilmente nella ripresa, quando Pioli ha mandato in campo Joao Mario per un Banega poco a suo agio sotto la pioggia del Barbera. E’ la scelta che alla fine segna il solco e fa la differenza, perché al portoghese bastano appena 10 minuti per lasciare il segno e portare in trionfo i suoi per la sesta volta consecutiva, cosa che in campionato, ai nerazzurri, non accadeva da oltre 4 anni. Regista aggiunto e ora anche goleador inatteso, è tutto questo Joao Mario il salvatore. Ma soprattutto l’ennesima mossa vincente di un allenatore capace di rigenerare una squadra atterrita dalla gestione de Boer: l’Inter di oggi ha un’identità, sa come gestire i momenti delle partite, si difende con ordine grazie all’aiuto di tutti e ora sì senza timori può sfogare tutto il suo potenziale offensivo.

Cinismo e concretezza - Per la verità, per avere la meglio del Palermo, ai giocatori di Pioli è bastato svolgere con precisione il proprio compitino. Qualche occasione nel primo tempo, i cambi a inizio del secondo, poi il vantaggio e la gestione delle stesso. Senza soffrire praticamente mai. Nemmeno nel finale, quando, dopo l’espulsione di Ansaldi per doppia ammonizione (e conseguente allontanamento di Pioli causa proteste), i padroni di casa hanno provato con maggiore convinzione a mettere in difficoltà Miranda e Murillo, senza però mai trovare occasioni degne di questo nome. Tutto il contrario dell’Inter, cinica e concreta, ma anche paziente e mai nervosa, nonostante il trotto quasi sbilenco e poco convinto dei primi 45 minuti. Le occasioni sono arrivate, è vero, ma prima Icardi, poi Candreva e quindi Brozovic hanno sempre peccato di cattiveria al momento decisivo. Il Palermo ha provato a difendersi e lo ha fatto anche bene, lottando con la grinta che Corini, in questa settimana tribolata, è riuscito a trasmettere alla squadra. Una tenacia che ha tenuto a galla la squadra fino al 20’ del secondo tempo, quando Candreva ha deciso che era il momento del suo sesto assist in campionato e Joao Mario lo ha raccolto dopo un movimento da centravanti spedendolo alle spalle di Posavec. Da quel momento in poi i nerazzurri hanno controllato e respinto gli assalti rosanero, compattandosi su due linee molto serrate e ripartendo ogni volta che potevano. Nel finale nessuna sofferenza vecchio stile, ma solo tanta concretezza. E così, successo dopo successo, sono 6 ora le vittorie consecutive in serie A della banda nerazzurra. All’orizzonte c’è il Pescara, battuto 3-1 in casa dal Sassuolo, e la consapevolezza di aver fatto altri tre passi in avanti. Verso i sogni, verso la Champions. 

LE STATISTICHE DELLA PARTITA BY OPTA
-Quattro dei sei assist di Candreva sono stati con cross.
-Sei assist in questo campionato per Antonio Candreva, che solo nel 2014/15 è riuscito a farne di più in una stagione di A.
-Secondo gol in questo campionato per João Mário che non segnava da 11 partite in Serie A.
-Dei cinque tiri del Palermo nemmeno uno ha centrato lo specchio della porta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche