Lotta salvezza, già tutto deciso a gennaio?

Serie A
mchedlidze_lapresse

La 21^ giornata di Serie A ha sorriso a Empoli, Bologna e Sassuolo: i toscani, vittoriosi 1-0 contro l'Udinese, sono a +11 sulla terz'ultima. Matri e Dzemaili (doppiette) firmano le vittorie contro Torino e Pescara. Finisce 2-2 tra Genoa e Crotone.

In Serie A è stata la giornata dei verdetti, soprattutto per quanto riguarda la zona retrocessione. La vittoria dell'Empoli è stata pesantissima in funzione salvezza: per Crotone, Palermo e Pescara ora sarà davvero difficile risalire. Buone notizie arrivano dal Sassuolo, che ha ritrovato la vena realizzativa e ora può vantare un Alessandro Matri in più. Bene anche il Bologna, che potrebbe spegnere le ambizioni europee del Torino: 2-0 al Dall'Ara e granata ancora secco nel momento decisivo della stagione.

Bologna-Torino 2-0

43', 82' Dzemaili (B)

Un Bologna brillante nel primo tempo, che ha dato - prima di trovare anche il vantaggio - parecchio filo da torcere al Torino di Mihajlovic. Quella risposta di carattere che il serbo cercava non c’è stata, almeno durante i primi 45’ del Dall’Ara. Granata spaventati all’inizio e soprattutto alla fine: tutto è cominciato con il colpo di testa di Oikonomou, dopo pochi minuti, che Hart ha miracolosamente smanacciato. Nel mezzo della prima frazione, per lunghi tratti equilibrata e vivace, un Toro che ha provato timidamente a pungere Mirante: ci ha provato un paio di volte Ljajic: il suo secondo tentativo, su punizione, ha trovato ben preparato il portiere rossoblu. La prima sorpresa, però, è arrivata appena prima del 45’: Dzemaili (il miglior marcatore oggi del Bologna, 5 gol nelle ultime 5), ben servito di testa da Krejci, è bravo a ribattere in rete e firmare l’1-0. Nel secondo tempo Mihajlovic prova il tutto per tutto, inserendo alla fine ben cinque attaccanti: nonostante i numerosi tentativi a rete, però, il gol del pareggio non arriva. E la beffa è servita: al 85’, nel momento di massima spinta dei granata, il Bologna trova il raddoppio: fuga in contropiede di Donsah e a chiudere l’azione è il solito Dzemaili. 2-0 Bologna, che archivia così la pratica e manda ancora più in crisi il Toro.

Genoa-Crotone 2-2

43’ Simeone (G), 53’ Ceccherini (C), 66’ Ocampos (G), 72' Ferrari (C)

Batti e ribatti: tra Genoa e Crotone alla fine è pareggio, risultato che non accontenta nessuno. In virtù del risultato di Empoli, i calabresi sembrano ormai condannati alla retrocessione (-11 dal quartultimo posto), mentre la squadra di Juric può solo confermare una posizione di media classifica. Dopo una partenza a rilento di gara, a sbloccarla è Simeone: se al 25’ il suo tiro non aveva mirato la porta di Corda, al 43’ l’argentino trova il suo ottavo gol in campionato: pasticcio della linea difensiva del Crotone e il Cholito la insacca da posizione defilata. I ritmi si alzano e il secondo tempo rispecchia le impressioni. Partenza arrembante degli ospiti, che meritatamente trovato il pareggio al 53’: sul bel cross di Barberis, ci pensa Ceccherini a fare 1-1. Non si arrende però il Genoa, che appena 10’ dopo guadagna un calcio di rigore con Pandev: Ocampos va 2-1 dal dischetto. Non è finita però, perchè la squadra di Nicola si dimostra solida e cinica: dopo l’errore di Simeone da pochi passi, ci pensa Ferrari (al secondo gol in campionato) a rimettere in pari le cose. Termina così 2-2 una gara che non accontenta nessuno.

Pescara-Sassuolo  1-3

2’ , 73' Matri (S), 51’ Bahebeck (P), 65’ Pellegrini (S)

È ancora una volta Alessandro Matri a prendersi la copertina del Sassuolo: seconda doppietta consecutiva e seconda vittoria per i neroverdi di Di Francesco, che si tolgono così dalla zona calda della classifica. Dopo il 4-1 al Palermo, convincente anche la vittoria di Pescara: per la squadra di Oddo ormai c’è poco da fare e la retrocessione sembra ormai vicina. A spalancare le porte al Sassuolo ci ha pensato questa volta Albano Bizzarri, autore di due clamorosi errori: il primo ha permesso a Matri di depositare facilmente il pallone il rete, il secondo ha regalato a Pellegrini il 2-1 che ha definitivamente incanalato la gara a favore dei neroverdi, che hanno chiuso la pratica al 73’ sempre con l’attaccante ex Milan e Juve, sicuramente il più ispirato. Nel mezzo a nulla è servito il gol di Bahebeck, rientrato dopo un lunghissimo infortunio e subito in gol.

Empoli-Udinese 1-0

82' Mchelidze

Una partita che sembrava destinata a finire con un pareggio senza reti, ma ancora una volta l’Empoli ha pescato l’asso dalla propria manica. A deciderla è stato ancora una volta Levan Mchelidze, grazie all’incornata che ha battuto Karnezis al 82’. L’Udinese ha condotto la gara fin dalle prime battute - unica occasione nel primo tempo per i toscani al 9’, con Bellusci - ma senza mai riuscire a pungere davvero Skorupski. Ci ha provato Zapata più volte nel primo tempo, grazie anche alla collaborazione di Theureau e De Paul. Nulla da fare, però: l’Empoli conferma la sua abilità difensiva (sono 10 i clean sheet della squadra di Martusciello) e alla fine strappa un risultato che manda in crisi le tre concorrenti per la salvezza, ormai a -11 e quasi definitivamente condannate alla retrocessione. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche