Juventus, Mandzukic: "Il nuovo modulo mi piace"

Serie A

Anche l’attaccante croato ha parlato del nuovo assetto tattico dei bianconeri: "Gioco dove mi mette l’allenatore, faccio il possibile per aiutare la squadra. Spero che vedendomi spingere al massimo i miei compagni facciano lo stesso. Mi sento un leader"

Da due anni è un calciatore fondamentale per la Juventus di Massimiliano Allegri, dal suo arrivo in Italia e in Serie A Mario Mandzukic non si è mai risparmiato per la sua squadra. Dopo un avvio complicato a causa di qualche problema fisico, il croato è riuscito a ritagliarsi il suo spazio nella formazione bianconera e anche quest’anno è riuscito a diventare protagonista nelle vittorie della squadra. Merito dei gol, sì, ma anche di tanto sacrificio in tutte le fasi e di una voglia di lottare praticamente inesauribile. Per questo Allegri non vuole mai rinunciare a lui e nelle ultime gare lo ha schierato in una posizione simile a quella occupata agli inizi della sua carriera. Del nuovo modulo, del momento suo e dei compagni ha parlato proprio l’attaccante bianconero ai microfoni di Sky Sport.

Sul nuovo ruolo e sul lavoro per la squadra - "Questo nuovo assetto tattico che Allegri ha creato per noi mi piace e credo che sia utile per tutti, perché ci sono tanti giocatori offensivi. Ma se ognuno di noi fa il suo lavoro nel modo giusto si può riuscire a gestire molto bene la situazione. Vedremo se continueremo a giocare sempre con questo modulo, io credo sia un buon sistema per sfruttare la grande qualità che abbiamo davanti. L'importante però è che quando c'è da difendere, tutti si diano una mano e si muovano insieme per il bene della squadra, con equilibrio. Personalmente mi trovo bene in questa nuova posizione, so che l'allenatore mi chiede di aiutare la squadra e io cerco sempre di farlo. Se giochiamo con questo schema devo stare a sinistra; se questo fa bene alla squadra e la aiuta nella gestione della palla è nelle ripartenze lo faccio assolutamente con la massima disponibilità".

Sul suo ruolo da leader e su Allegri - "Per quanto riguarda Allegri so che mi rispetta molto, mi ha voluto qui alla Juventus e abbiamo molta stima reciproca. Io ho piena fiducia in lui e cerco anche di essere d'esempio per i miei compagni di squadra. Se io corro al massimo anche loro vedendomi possono dare di più; in questo sento di poter essere un leader. Sono stato paragonato a Eto’o quando giocava nell'Inter ma io sono Mario Mandzukic e se l'allenatore mi dice che devo giocare in un posto o in un altro io cerco di farlo nel miglior modo possibile. Il mio compito è quello di aiutare la squadra e non è che se mi chiedono di giocare in una posizione che non mi piace io dico di no, che non lo voglio fare. Il mio dovere è quello di dare una mano a tutti i miei compagni in ogni modo possibile”. Infine, una battuta anche sul suo soprannome all’interno dello spogliatoio e sull’esultanza del suo compagno di reparto Dybala: "Sì, per tutti sono Mister No Good. Ho visto come festeggia i gol Paulo ma non so bene nemmeno io che cosa significhi. Anzi, devo chiederglielo perché mi interessa", ha concluso il croato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche