"Juve, Napoli: vi racconto il mio Gonzalo Higuain"

Serie A
federico_higuain_getty

Nel privato del Pipita. Dagli hobby di casa Higuain alla stima per l'attaccante, Federico Higuain svela suo fratello: "Giocavamo a calcio tutto il tempo, io ero Zidane e Gonzalo Francescoli". Nel tempo libero: "Asado, famiglia, paddle". Sulle critiche: "Ogni anno ce ne sono, ma viaggia sempre sui 30 gol"

Agenti, calciatori, baristi. Tutti in fila uno dopo l'altro, ma in realtà son tutti legati. Parliamo dei fratelli Higuain. Uniti da una grande passione: quella per il calcio, ovviamente. Nicolas è l'artefice del passaggio di Gonzalo alla Juventus, mentre Federico - anche lui attaccante - gioca in MLS coi Columbus Crew: "Gonzalo ha fatto molti sacrifici da ragazzino per arrivare dove è ora. Un esempio? Io non l'ho mai visto andare a ballare come fanno tutti gli adolescenti del mondo. Siamo legatissimi tra noi, appena abbiamo un po' di tempo ci ritroviamo tutti a casa nostra in Argentina". Aneddoti e segreti di Gonzalo, Federico racconta a Tuttosport: "Io e mio fratello siamo diversi. Intendersi con un campione come Gonzalo è semplice. Siamo riusciti a giocare qualche minuto assieme ai tempi del River Plate, prima che lui si trasferisse al Real Madrid e io al Besiktas. Lui ha una tecnica eccellente, è forte fisicamente, attacca lo spazio con i tempi giusti e in area è un grande bomber. Un finalizzatore incredibile. I gol parlano per lui. Sono orgoglioso che il suo trasferimento sia valso 90 milioni, così come lo è tutta la mia famiglia. Per noi è il Gonzalo di sempre, ma sapere che è diventato uno dei calciatori più forti del mondo ci rende felici, sappiamo che questo era il suo sogno".

L'infanzia di casa Higuain - Una passione nata fin da bambini: "Giocavamo a calcio tutto il tempo nel patio di casa. Erano tutti "uno contro uno" tra me, Gonzalo, Nicolas. Partite tostissime.. Gonzalo "faceva" Crespo o Francescoli, Nicolas era Maradona e io Zidane o Riquelme...". Calcio ma non solo: "Su un lato della nostra casa c'era un campo da paddle. Nicolas era di un'altra categoria, ha giocato pure in prima divisione. Pure Gonzalo se la cava, io sono il peggiore dei tre. Però a pingpong li batto spesso. Gonzalo era molto tranquillo e riservato, come è adesso. Quando non era a giocare, stava in casa con mamma e papà".

Sul passaggio alla Juve - "Parliamo molto, è vero - dice Federico - Ma Gonzalo ha deciso di trasferirsi alla Juve da solo, seguendo le proprie sensazioni. E' felicissimo. Si trova bene nel club, con lo staff tecnico, con la città. L'ho visto quando sono stato a trovarlo. Penso che Gonzalo resterà alla Juve a lungo. Da fratello me lo auguro: è un top club, ma pure una bella famiglia. Non so se realizzerà 20 o 50 gol, vedremo... Tutti gli anni c'è qualcuno che lo critica, ma poi lui alla fine viaggia sempre a 20, 25, 30, 36 gol. Non è una casualità... Sarebbe strano se ne segnasse soltanto 5. Gonzalo possiede un istinto incredibile, è in formissima".

"Napoli? Mi aspetto che lo trattino bene" - "Pensavo che molta gente era annoiata e passava il tempo in questo modo... Il calcio è un "negozio" difficile... Ma non è solo il caso di Gonzalo. Penso alle cattiverie che si dicono su Messi, Cristiano Ronaldo, Ibrahimovic. I più grandi sono sempre nel mirino. La Champions? La squadra è forte. Io spero che Gonzalo disputi una super stagione e vinca tutto, pure la Champions. La Juventus è una grande squadra, composta da giocatori di livello. Quando sono stato a Torino mi hanno impressionato i compagni, davvero belle persone. Non si vincono 5 scudetti consecutivi per caso".Higuain tornerà a Napoli due volte in pochi giorni: "Saranno partite difficili per la Juventus, non per Gonzalo. Ha segnato tantissimi gol con la maglia del Napoli, mi aspetto che la gente lo tratti bene e lo rispetti". Qualche hobby: "Fuori dal campo, i fratelli Higuain hanno pochi hobbies: "Trascorriamo tanto tempo in casa a suon di asado, partite a carte, piscina, musica, karaoke. Siamo tutti e tre stonati, però ci diverte. Cantiamo anche in italiano,Jovanotti e Vasco Rossi. Io in A? Sto bene negli Usa, ma in futuro chissà...L'Italia è uno dei migliori paesi del mondo nel calcio".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche