Cagliari, allenamento al Sant’Elia: c’è Ibarbo

Serie A
ibarbo_cagliari_twitter

Continua la preparazione del Cagliari in vista della sfida con l’Atalanta, Massimo Rastelli ha ritrovato la squadra al Sant’Elia: presente all’allenamento anche l’attaccante colombiano Ibarbo

Primo allenamento per Ibarbo - Altra giornata di lavoro intensa e un nuovo sorriso in casa Cagliari. L’allenatore rossoblù Rastelli, infatti, ha potuto per la prima volta osservare da vicino Victor Ibarbo: l’attaccante colombiano, rientrato dal Panathinaikos dove aveva cominciato la stagione in prestito, ha svolto il primo allenamento della sua nuova avventura al Cagliari. Ibarbo ha iniziato a seguire un programma di lavoro personalizzato, che ha come obiettivo quello di riportarlo nel più breve tempo possibile in forma e dunque a disposizione di Massimo Rastelli. Che ha ritrovato il gruppo per una nuova seduta di lavoro che si è svolta allo stadio Sant’Elia: fase di riscaldamento iniziale, poi squadra che è stata impegnata in esercitazioni per reparti e successivamente in una partita; lavoro che si è concluso con una serie di cross e tiri in porta. Ancora allenamento personalizzato per gli acciaccati Simone Padoin, Diego Farias e Paolo Faragò tutti e tre alle prese con problemi di natura muscolare.

I sogni di Sau - "Il mio sogno nel cassetto è fare tanti gol con la maglia rossoblù e far gioire i nostri tifosi. Mi piacerebbe tantissimo giocare nel nuovo stadio, non vedo l’ora che venga costruito", parola di Marco Sau. L’attaccante ha affrontato diversi temi nel corso di un’intervista riportata dal sito ufficiale del club: "Spero di fare in tempo a far parte della squadra che tornerà a giocare le coppe Europee. Il presidente Giulini ha progetti ambiziosi, sarei felice se potessi dare il mio piccolo contributo per aiutarlo a realizzarli. Lasciare il Cagliari? Mai posto il problema. Qui sono felice, sono a casa mia e godo della stima di tutti", ha aggiunto Marco Sau. L’attaccante del Cagliari ha analizzato anche la sua stagione a livello personale: "Potevo sicuramente fare qualcosa di più, ho segnato solo quattro gol. Domenica la fortuna non mi ha aiutato, peccato perché probabilmente avremmo vinto. Borriello ha segnato 10 gol, sono felice per lui, è un giocatore di grande livello. Ibarbo? Non avrà problemi ad integrarsi in un ambiente che già conosce. Verrà accolto bene dal nostro gruppo. E’ un giocatore che ha numeri importanti e potrà darci una mano. Il nostro obiettivo è quello di arrivare il più in alto possibile".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche