La Juve travolge il Palermo: 4-1 nel segno dell'HD

Serie A

Il ritorno al gol di Marchisio, uno del solito Higuain, una doppietta di Dybala: i bianconeri calano il poker alla squadra di Lopez e volano per ora a +10 sulla Roma. Mercoledì la sfida di Champions all'Estadio do Dragão

JUVENTUS-PALERMO 4-1

13' Marchisio (J), 40' e 89' Dybala (J), 63' Higuain (J), 93' Chochev (P)

Cronaca e tabellino del match

Tre a zero. Nell’anticipo della 25^ giornata di Serie A, la Juventus travolge 4-0 il Palermo, sale momentaneamente a +10 sulla Roma in classifica e avvisa il Porto. Nella sfida di Champions di mercoledì 22 febbraio prossimo all’“Estádio do Dragão”, però, i ritmi dovranno essere altri. Il gol del vantaggio della Juve è arrivato molto presto (Marchisio al 13’), da quel momento in poi, i bianconeri hanno mollato un po’ subendo il ritorno del Palermo. La squadra di Lopez non ha demeritato e ha costruito alcune occasioni importanti: al 17’ con Nestorovski, al 37’ un capolavoro difensivo di Asamoah non fa andare al tiro Balogh. Quando i rosanero cominciano a crederci, la Juve di fatto chiude la gara. Una punizione da manuale di Dybala batte Posavec e fissa il risultato sul 2-0. Tanto basta per spostare la gara su ritmi meno accelerati nella ripresa.

 

 

 

Le scelte - Nella sera delle 300 presenze bianconere in campionato di Bonucci, privo dello squalificato Mandzukic, Massimiliano Allegri decide di non tornare indietro sulla strada del 4-2-3-1. Il modulo che ha permesso ai bianconeri di infilare sei vittorie consecutive dopo la sconfitta al Franchi con la Fiorentina, non si tocca. E allora spazio a Pjaca e Sturaro dal primo minuto. In panchina Cuadrado e Pjanic. Il Palermo si affida al solito 4-3-3 con Sallai, Balogh e Nestorovski in attacco.

Il ritorno al gol di Marchisio - Dopo un palo esterno su punizione di Dybala al 5’: il 13° legno in campionato per la Juve (nessuna squadra ne ha colpiti di più), arriva il vantaggio. Al 13’ punizione battuta lunga, palla a Higuain che tira: Posavec respinge, e Marchisio si avventa col sinistro sbloccando la gara. Per il Principino bianconero è il ritorno al gol dopo 643 giorni, trentaquattro partite in Serie A dopo. E’ a quel punto che il Palermo reagisce e lo fa benissimo. Costruisce buone occasioni, va vicino al pareggio con Nestorovski. Al 40’ però ci pensa Dybala, con una punizione da antologia a raddoppiare.

Higuain e ancora Dybala - Nel secondo tempo, a differenza della prima mezz’ora, la reazione del Palermo è nulla. La Juve prima prova a controllare la gara, poi quando decide di accelerare in contropiede dà l’impressione di poter dilagare. Al 63’ Dybala serve Higuain in profondità, e il Pipita batte Posavec in uscita con un colpo sotto segnando il dodicesimo gol nelle ultime dieci partite. Un ruolino di marcia impressionante che fa ben sperare i tifosi in vista della della Champions. Al 78' paura per Posavec dopo uno scontro di gioco con Goldaniga: per fortuna il portiere rosanero si rialza dopo due minuti in cui sembrava privo di sensi.

 

La Juve continua a premere e all’89’ Higuain ricambia il favore a Dybala, con un perfetto assist: la Joya sigla il poker. Al 93’ unica soddisfazione per la squadra di Lopez il gol della bandiera di Chochev (di testa sugli sviluppi di un corner). La Juve domina e vince per la 29^ di fila in casa. Ora il Porto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche