Genoa, Mandorlini: "Lavorare tanto e in fretta"

Serie A
genoa_presentazione_mandorlini

"Farò di tutto per dimostrarmi all’altezza di un club prestigioso come il Genoa, sono un professionista e darò tutto anche in questa esperienza. Metterò tutte le mie forze per aiutare i ragazzi a superare questo momento di difficoltà e riacquistare fiducia" ha detto l'allenatore nella conferenza stampa di presentazione

Domenica sera l’annuncio ufficiale, negli ultimi due giorni i primi contatti con il mondo rossoblù e oggi la presentazione ufficiale. Andrea Mandolini ha parlato per la prima volta da nuovo allenatore del Genoa a Villa Rostan: prime impressioni e speranze (al fianco dell’amministratore delegato Alessandro Zarbano) in vista dell’impegno della prossima domenica in casa contro il Bologna. Queste le parole del neo allenatore rossoblù: "Ringrazio il presidente Preziosi che ha pensato a me per darmi questa opportunità. Sono carico e ho emozioni positive. Farò di tutto per dimostrarmi all’altezza di un club prestigioso come il Genoa. Per quanto riguarda il passato posso dire che sono un professionista e ho sempre dato tutto per le squadre che ho allenato. Farò così anche in questa esperienza".

"Serve ritrovare fiducia" - "Dobbiamo lavorare tanto e soprattutto in fretta per uscire da questa situazione - ha poi aggiunto - il fatto che questa squadra abbia dei valori è fuori dubbio ma è arrivato il momento di tirarli fuori di nuovo. La rosa sta bene fisicamente, il Grifone ha uno staff di primo ordine. Metterò tutte le mie forze per aiutare i ragazzi a superare questo momento di difficoltà e riacquistare fiducia. Adesso il nostro unico obiettivo è la gara di domenica con il Bologna. Alla squadra mancano delle certezze, ma non ha paura. La paura nello sport e nel calcio non deve esistere".

"Ripartiamo insieme" -
E ancora, su alcuni elementi della formazione: “Pinilla e Simeone sono fondamentali per noi, indipendentemente dal fatto che giochino insieme o meno. In questo giorno e mezzo ho trovato grande disponibilità da parte dei ragazzi. Mi piace giocare in una certa maniera e con un certo modulo, ma devo anche considerare gli elementi che ho a disposizione. Non ho fatto nessuna previsione a lungo termine. Adesso dobbiamo pensare al Bologna, è una partita importante e il nostro unico obiettivo. Sono orgoglioso di essere in una piazza importante e storica come quella del Genoa. Ripartiamo insieme", ha concluso Mandolini.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche