Totti: "Ho deciso il mio futuro. Su Spalletti..."

Serie A
totti_costanzo

Il capitano della Roma si confessa in un'intervista per Maurizio Costanzo: "A fine anno dovrei smettere, ma comunicherò la mia decisione a maggio-giugno". Ironia sull'allenatore giallorosso: "Perché vuole il mio rinnovo se poi gioco 5 minuti?"

Una confessione a cuore aperto per Francesco Totti, intervistato da Maurizio Costanzo in una lunga chiacchierata. "Sto riflettendo tantissimo su quello che farò, ma so che il calcio è la mia vita. Giocare mi diverte, anche se ovviamente mi dispiace non scendere tanto in campo, come cinque o dieci anni fa. Ma rispetto tutte le scelte, anche quelle di Spalletti. Magari se vado in Cina me lo porto...", scherza il capitano della Roma. Totti è ormai al bivio, per lui sta per iniziare una strada nuova. Sul futuro il Pupone annuncia: "A fine anno dovrei smettere. Qualcosa in mente ce l'ho, sto riflettendo tantissimo e ho quasi preso una decisione. Ma la comunicherò solo a fine stagione". Il punto interrogativo resta, l'ipotesi del ritiro non viene esclusa: "O continuerò a giocare o farò il dirigente della Roma, ma non da dietro una scrivania. Oppure il procuratore, se sono fortunato. Qualcosa capisco di calcio".

Spalletti - La chiacchierata poi si sposta sull'allenatore della Roma, Luciano Spalletti. Costanzo lo critica. Dopo l'appoggio espresso nelle anticipazioni di un paio di giorni fa, Totti risponde con ironia: "In 5 minuti non si può risolvere una partita, ma non lo dico perché è Spalletti, è difficile in generale... A lui vorrei chiedere perché vuole che firmo il rinnovo se poi non mi fai mai giocare, ma lo dico scherzando. Lui è un allenatore forte e spero che la società lo tenga. Io non farò mai l'allenatore, invece...

L'ipotesi Cina - Visto che probabilmente a fine anno smetterò, Totti andrebbe in Cina? "Qualcosa si muove, non è vicina e dovrei spostare tutta la mia famiglia, nel caso mi porterei anche Spalletti", scherza il capitano della Roma.

Rimpianti - "Il mio più grande rimpianto è non aver mai giocato con Ronaldo, il Fenomeno. Umanamente non aver vinto la Champions con la Roma. Non è facile, non siamo all’altezza delle big europee. Se la Juve offrisse un ruolo a mio figlio Cristian gli direi di accettare, non deve fare come me".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport