Atalanta, Gasp: "Genoa? Tornare sarà emozionante"

Serie A
Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta (Getty)
gian_piero_gasperini_atalanta_getty

"Le mie attenzioni saranno tutte sulla gara, affrontiamo una squadra che sul suo campo è sempre difficile da battere. Caldara e Conti ok, Dramé unico indisponibile; ho ancora qualche dubbio ma vogliamo riprendere le cose dove le abbiamo lasciate e restare in alto", ha detto l'allenatore

Quella in programma domani a Marassi non sarà una gara come le altre per Gian Piero Gasperini. L’attuale allenatore dell’Atalanta, infatti, ritrova il suo passato e quel Genoa che per molte stagioni è stato la sua casa. Nella testa dell’allenatore nerazzurri però c’è solo il presente: con la sua squadra Gasp vuoi continuare a rincorrere l’Europa e dare anche continuità a quanto di buono mostrato prima della sosta. Così, nella conferenza stampa della vigilia, l’allenatore dell’Atalanta ha presentato il match contro i rossoblù.

Sul Genoa -
"Tornare a Marassi sarà un’emozione ma ovviamente la gara si prenderà la mia attenzione. Dobbiamo restare fuori da ciò che sta succedendo nell’ambiente del Genoa e restare concentrarci sulla partita. Incontreremo una squadra che sta avendo qualche difficoltà ma che è formata da ottimi giocatori. Sul suo campo è sempre molto difficile fare risultato e sappiamo che sarà difficile. In più arriviamo dalla sosta, quindi c’è sempre qualche dubbio in più; ma vogliamo riprendere le cose dove le abbiamo lasciate".

Dubbi di formazione - "Berisha ha recuperato e si è allenato regolarmente - ha aggiunto Gasperini - mi tengo sempre qualche dubbio ed è normale dover ancora scegliere tra lui e Gollini. Caldara e Conti hanno recuperato bene, l’unico indisponibile è Dramé. Non dobbiamo fare programmi, ma pensare di partita in partita sin da domani. Nella sosta abbiamo avuto modo di recuperare tutti, chi è rimasto si è allenato bene, con continuità, rimettendo a posto tutti i piccoli acciacchi. Ci sono stati degli esordi importanti in Nazionale, con Petagna e Spinazzola; sono contento per loro ma ora si riparte con il campionato".

Nazionale e Panchina d’oro -
E ancora: "Se tanti ragazzi dell’Atalanta giocano in Nazionale è motivo di orgoglio per me ma non solo, è un premio per tutti quanti, staff, squadra e ambiente. Siamo stati capaci di dare la possibilità ad alcuni giocatori di arrivare in alto. E non bisogna dimenticare Freuler che a inizio stagione era un punto interrogativo ma con le sue prestazioni si è guadagnato spazio e continuità. La Panchina d’oro? Per vincerla bisogna finire bene questa stagione, ma probabilmente non sarà sufficiente. Credo che Sarri l’abbia meritata, ma io avevo votato per Juric in Serie B e per Di Francesco in A".

Obiettivi e futuro -
"Il nostro obiettivo ora è quello di restare nelle migliori posizioni della classifica, anche perché le ultimissime giornate saranno fondamentali anche dal punto di vista atletico e mentale. In questo momento siamo tutti concentrati sull’obiettivo per dare il massimo. Pinilla? Quando era qui ha fatto la sua parte, ma ora siamo contenti così. Dovremo stare attenti a lui, che come tutti gli ex avrà qualche motivazione in più, ma non solo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport