Genoa, Mandorlini: "Non penso a me stesso"

Serie A
Andrea Mandorlini, allenatore del Genoa (goto @genoacfc)
mandorlini_genoa_twittergenoa

"Dopo una sconfitta pesante è giusto farsi delle domande, le risposte sono da ricercare nella partita successiva - ha detto il tecnico - il modulo conta relativamente rispetto all’applicazione dei sistemi. Possiamo superare questa fase senza vergogna"

Cancellare la pesante sconfitta contro l’Atalanta e ripartire contro l’Udinese. E’ questo l’obiettivo di Andrea Mandorlini e del suo Genoa. La squadra rossoblù torna in campo alla Dacia Arena per ritrovare punti e morale in vista del finale di campionato. Nella conferenza stampa che precede la gara contro i bianconeri l’allenatore della formazione ligure ha parlato così: "Quando si perde una gara come l’ultima è normale farsi delle domande, le risposte sono da ricercare nella partita successiva. Al di là delle parole sono i fatti a parlare. Io mi metto da parte, non penso a me. Devo solo trovare il modo per aiutare la squadra a uscire da questa situazione. E’ importante che i giocatori e la gente tornino a sorridere, i risultati stanno dicendo che stiamo facendo fatica".

L'avversario

"L’Udinese? Ormai è diventata la squadra di Delneri: solida e fisica nel modo di proporsi e coprire il campo. Si sta comportando bene e vive un momento positivo con giocatori ricchi di talento come nella tradizione del club. Qualche nuovo innesto, come Morosini, potrebbe esserci. O qualcun altro. Gli interpreti sono importanti, ma conta di più lo spirito di gruppo. Anche il modulo conta relativamente rispetto all’applicazione dei sistemi. Come avevamo visto all’inizio, i risultati sono la medicina migliore".

L'obiettivo

"Dobbiamo portare a casa l’obiettivo e trovare soluzioni prima possibile. Con il presidente ci siamo sentiti spesso in questi giorni. E’ al corrente di tutte le cose che facciamo, fiducia e stima bisogna meritarsele. Come e dove farli, questi punti, non ha importanza. Mi basta guardare in faccia e negli occhi i miei ‘ragazzi’ per avere il polso della situazione. Quando le cose non vanno emergono i problemi, è una prassi consolidata nel mondo del calcio. Pensiamo a fare un passettino alla volta con un calendario tosto. Non possiamo nascondere che stiamo soffrendo sotto il profilo psicologico, fisico e per l’andamento".

Il momento del gruppo

"Possiamo superare tutti insieme questa fase senza vergogna, con grande umiltà e spirito di sacrificio. Questo sta alla base del lavoro quotidiano e nelle partite. Questo è quello che mi chiede la società. I chiacchiericci invece contano zero. Si va in una sola direzione tutti insieme. Veloso? E’ in condizioni discrete e gli parlerò ancora per vedere se schierarlo dall’inizio o in corsa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport