Serie A, Capello: "Inter, manca poco per tornare al top"

Serie A
Fabio Capello (getty)
capello_getty

Sul futuro del club nerazzurro: "Hanno già grandi giocatori, ma serve che tutti mettano in campo uno spirito vincente". Allegri è stato capace di rivoluzionare una Juve già vincente: "Questa squadra è la sua, non c'entra nulla con quella di Conte". Su Donnarumma: "Gli consiglio di restare al Milan"

Inter: manca poco. Questo il messaggio lanciato da Fabio Capello, che ha parlato così a Sky Sport 24: “Alla macchina dell'Inter manca poco per andare a regime. Basta avere idee chiare sul progetto e capire cosa manca effettivamente per essere competitivi. La squadra ha già grandi giocatori: ad alcuni piace vincere, ma c’è bisogno di un atteggiamento vincente da parte di tutti. Se è meglio uno zoccolo duro italiano o pescare all’estero? Dipende da chi si trova: ci sono stranieri che vengono per giocare e altri che hanno mentalità, che arrivano in Italia per sacrificarsi e dare di più per vincere. È chiaro, però, che avere un base solida di italiani può in un certo senso aiutare il compito di un allenatore”.

"Questa è la Juve di Allegri"

Continuare un ciclo vincente e, magari, migliorarlo: si può. Massimiliano Allegri, capace di modellare e trasformare la sua Juventus, reduce dalla vincente era Conte, ne è la dimostrazione. L’allenatore bianconero potrebbe ripercorrere le orme dello stesso Capello, che seppe gestire al meglio il Milan dopo la rivoluzione attuata da Sacchi: “Se è più facile o più difficile prendere in mano una squadra già vincente? Dipende dai giocatori che si trovano, dalla mentalità della squadra e dalla società”, ha continuato Don Fabio. “Quando si subentra a un allenatore che ha vinto bisogna essere capaci di innovare e soprattutto di trovare nel gruppo dei leader che aiutino l’allenatore a cambiare la routine del ciclo appena concluso. Bisogna avere fortuna o capacità nel trovare questi giocatori chiave, quelli che ancora hanno fame di vincere”. E questo sembra essere il caso della nuova Juve di Allegri: “Questa è la Juve di Allegri”, ha sottolineato Capello. “Conte ha portato cose nuove, come la voglia di vincere, la grinta e la determinazione. Ma questa è una squadra che gioca in modo totalmente diverso agli anni passati”.

“Donnarumma? Rimanga al Milan. Su Totti…”

Dal più giovane al più anziano, da Gigio Donnarumma a Francesco Totti: “Donnarumma è davvero giovane, ha una vita davanti”, ha detto Capello. “Gli consiglierei di rimanere al Milan: ha molto tempo davanti a sé per andare in giro per il mondo”. Il capitano della Roma, invece, si avvicina al suo ultimo derby: “Se giocherà? Questo lo decide Spalletti. Gli allenatori mettono le squadre in campo per vincere, Spalletti sa se Totti può farlo vincere o meno. Sono scelte tattiche, non si possono discutere”.

“A Roma l’esperienza più appagante”

Nella sua analisi, Capello ha parlato delle sue esperienze passate: “Direi che quella di Roma (la vittoria della Serie A nel 2000-2001, ndr) è stata la più appagante in assoluto. La più difficile? L’ultima a Madrid, quando siamo stati capaci di recuperare otto punti al Barcellona”. Proprio Capello giocava nell’ultima SPAL di Serie A, e già settimana i ferraresi potrebbero festeggiare il grande ritorno: “Ho visto la partita con il Cittadella, è stata una sofferenza. In questo momento però è importante solo vincere, è stata una cavalcata fantastica e rivederli in A sarebbe il massimo”, ha concluso.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport