Atalanta, Europa vicina come nell'89-'90

Serie A
I giocatori dell'Atalanta esultano dopo il 2-2 alla Juventus (LaPresse)
atalanta_esultanza_lapresse__2_

Il pareggio contro la Juventus vale un altro passo verso l'Europa, per l'Atalanta. Il paragone con la squadra di Mondonico dell'89-'90, ultima a centrare la qualificazione, è inevitabile. Fra somiglianze e differenze un motivo in più per crederci

L’Atalanta insegue un sogno, quello europeo. I 64 punti conquistati e il quarto posto in classifica (in attesa della Lazio) autorizzano Gasperini e un’intera città a crederci. L’ultima apparizione atalantina in una competizione internazionale risale al 20 marzo 1991, ritorno dei quarti di finale di Coppa Uefa nel derby tutto italiano contro l’Inter.

Falsa partenza, proprio come nel 1989-1990

Ventisei anni dopo lo spirito europeo della Dea è rinato sotto la guida del suo allenatore, in un percorso per certi versi simile a quello compiuto dalla squadra di Mondonico, soprattutto con la falsa partenza prima del decollo: furono infatti tre le sconfitte nelle prime quattro gare dell’89-90, quattro nelle prime cinque quelle della stagione attuale, con una curiosità: al Meazza contro l’Inter fu ancora "imbarcata" di gol, con un 7-1 che ricorda il 7-2 del 12 marzo scorso. 14 gol subiti in due gare a San Siro che paradossalmente sembrano di buon auspicio per i bergamaschi.

Le differenze

Era certo una squadra dal potenziale offensivo minore però, quella di Caniggia e Madonna, goleador entrambi con otto reti a testa. Ben altri numeri rispetto a quelli sfoggiati dal Papu Gomez oggi, che ha già stabilito il nuovo record personale con 14 gol realizzati. Inoltre, quella di Gasperini è una squadra ancora più giovane, con una media di 24,7 anni contro i 25,9 di quella allenata da Mondonico.

Il futuro

L'età media della rosa pone un dubbio significativo: che ne sarà della squadra dei miracoli del Gasp? Anche in caso di accesso all’Europa League, infatti, starà poi alla società decidere se mantenere lo zoccolo duro della rosa nonostante i corteggiamenti. Caldara è già stato acquistato a gennaio dalla Juventus (ma molto probabilmente resterà a Bergamo per un altro anno in prestito), mentre Gagliardini si è trasferito all'Inter a metà stagione. Allora resta da stabilire il futuro di giovani promettenti come Conti (7 gol in campionato), Kessié o Spinazzola (in prestito della Juventus). Ma con il ritorno di un obiettivo vecchio di 26 anni, chissà, anche le strategie societarie potrebbero essere influenzate. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport