Inter, Vecchi: "Il prossimo allenatore riparta dalle basi"

Serie A
Stefano Vecchi, allenatore dell'Inter (Getty)
vecchi_getty

"Purtroppo la stagione si è indirizzata verso un brutto finale - ha detto il tecnico nerazzurro - questa vittoria non cambia molto per la verità ma volevo almeno vedere una reazione di orgoglio. Voglio elogiare chi non giocava da tanto ma ha fatto bene stasera"

L’Inter torna a vincere, all’Olimpico contro la Lazio i nerazurri riescono a ribaltare l’iniziale svantaggio segnato da Keita grazie alle reti di Andreolli, Eder e all’autogol di Hoedt. I ragazzi di Stefano Vecchi, quindi si portano a quota 56 punti in classifica - all’ottavo posto in attesa di incontrare nell’ultimo turno l’Udinese a San Siro. Al termine della partita l’allenatore dell’Inter ha parlato così della partita e di questo finale di stagione.

Sulla partita dell’Olimpico

"Volevo almeno vedere una reazione di orgoglio da parte della squadra - ha detto l’allenatore nerazzurro - purtroppo la stagione si è indirizzata verso un brutto finale e questa vittoria non cambia molto per la verità, anche se per noi comunque vuol dire tanto anche dal punto di vista caratteriale visto che i ragazzi hanno mostrato orgoglio. In settimana i calciatori si sono allenati bene e stasera hanno messo tutto in campo. In ogni caso c’è la soddisfazione di aver vinto contro una squadra che ha fatto un buon campionato; questa settimana - a parte ieri durante la rifinitura, dove ho visto i ragazzi un po' superficiali - per tutta la settimana ho visto i giocatori allenarsi bene e oggi abbiamo visto tutti come correvano e rincorrevano i giocatori della Lazio commettendo anche pochi errori dietro".

Sui giocatori meno impegnati in stagione

"In realtà dovrebbe essere sempre così… - ha detto poi il tecnico - vorrei fare un elogio particolare ad Andreolli e a Santon, due calciatori che che non giocavano da tanto tempo; e poi anche a D'Ambrosio per lo stesso motivo. Tutti hanno concesso pochissimo alla Lazio stasera e tutta la squadra si è aiutata, ha aggredito e non ha mollato. Io pretendo che sia sempre così".

Sul futuro del club e della panchina

Infine, un occhio anche al futuro e all’allenatore che si sederà sulla panchina dell’Inter in prossimo anno: "Un consiglio? Gli direi di fare le cose semplici, far rispettare le cose facili e poco alla volta tutto può mettersi a posto; ma è importante partire dal basso, dalle piccole cose come la gestione quotidiana, la gestione dello spogliatoio. Si parte sempre dalle basi perché tutti i problemi possono essere risolti facendo le cose facili, rispettando i ruoli di ognuno. Le disponibilità ci sono, la proprietà è forte e magari non si possono fare le cose grandi perché si è sempre vincolati al Fair Play Finanziario ma intanto sistemiamo le piccole cose", ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport