Inter, Vecchi: "Spalletti uno dei migliori"

Serie A
Stefano Vecchi, allenatore dell'Inter (getty)
vecchi_inter_getty

L'allenatore nerazzurro al suo successore: "Bisogna trasmettere nuova cultura del lavoro". Duro con Joao Mario e Gabigol, colpevoli di aver lasciato prima della fine della partita la panchina nella gara con la Lazio: "Non so come stavano prima le cose, ma un fatto così credo non sia mai successo". Sulla passerella finale per i partenti: "Palacio e Carrizo giocheranno, non so se dal primo minuto"

Per l’Inter l’ultimo atto di un campionato da dimentica. I nerazzurri giocheranno a San Siro la 38^ di Serie A: di fronte l’Udinese di Delneri. Sarà questa l’occasione per vedere la passerella di molti nerazzurri destinati a partire, Palacio e Carrizo in primis. “Sicuramente sarà così, anche se non so ancora se giocheranno dal primo minuto. C’è ancora la rifinitura, ma è ovvio che meritano l’applauso dei tifosi per l’attaccamento e tutto quello che hanno dato in modi diversi. Hanno dato tanto anche sotto l’aspetto umano ed è giusto che vengano premiati”. Su Gabigol e Joao Mario: “Se li convocherò? Aspetterò oggi pomeriggio, i provvedimenti di questi giorni sono stati presi di comune accordo con la società. Hanno sbagliato e la società ha preso delle decisioni che ho condiviso. Non so come erano le cose precedentemente. La cosa dell’altra sera credo non sia mai successa prima, il provvedimento è un buon punto di partenza. Tutti i problemi accaduti ci hanno ovviamente penalizzati, ma possono essere un punto affinché non si ripetano più. I giocatori devono capire che in questi casi la società prenderà provvedimenti anche abbastanza seri.” Icardi non ci sarà: "Non ci sono possibilità, ha fatto lavoro differenziato. Non è grave, ma è un problema per cui servono tre settimane, sarebbe assurdo forzare, anche se lui ci teneva. Medel mi auguro che ce la faccia, Murillo non è al 100% per questo fastidio evidenziato domenica scorsa. Miranda ieri si è fermato per un altro problema indipendente dal precedente. Non è nulla di grave, ma in questo momento non vale la pena forzare la situazione. Ho bisogno di tempo per valutare.

Messaggio a Spalletti: "Bisogna trasmetter maggior cultura del lavoro"

Su queste ultime settimane: “Non ho visto giocatori arrabbiati, perché comunque è stata una stagione molto pesante. Ma ci sono in ogni caso ragazzi comunque attaccati alla maglia, che in questi giorni si sono allenati bene. E’ un buon gruppo che provando a terminare la stagione nel migliore dei modi e lo ha dimostrato contro la Lazio. Stanno cercando di lavorare e di impegnarsi”.  Spalletti sembra ormai a un passo dall’essere ufficializzato nuovo allenatore nerazzurro: “La cosa più importante su cui lavorare è cercare di ridare entusiasmo, certezze e sicurezze a giocatori che hanno preso molte bastonate. Trasmettere maggior cultura del lavoro, che è fondamentale per raggiungere risultati. La cosa positiva è che ci sono giocatori che lo possono fare e che lo possono trasmettere agli altri. La società ha fatto delle valutazioni, sa di chi ci si può fidare e ha chiesto anche il mio parere. Questo è un gruppo di giocatori che possono garantire una base da cui partire. Spalletti? Ha fatto sempre bene ovunque, sta dimostrando di essere un grande allenatore. Uno dei migliori sulla piazza”. E ancora: “L’organico secondo me è stato costruito con due giocatori per ruolo in modo normale. Poi è stato il campo a dire chi giocava e chi no. Non credo la rosa fosse assortita male. Forse in avanti c’è sovrabbondanza. L’organico però secondo me è costruito bene, poi sta ai giocatori dimostrare di essere da Inter”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport