Nalini, dai würstel ai gol salvezza: l'importanza di averci creduto

Serie A
Andrea Nalini, attaccante del Crotone (Getty)
nalini_getty

"Facevo il saldatore, guadagnavo 1400 al mese. Poi...". Poi la Salernitana, i tanti "no" ai provini e infine i rossoblù, che storia Nalini: dalle scarpe antinfortunistiche alla doppietta salvezza, l'importante è non mollare

L’importante è crederci. Sempre. E mai mollare. Perché se a inizio carriera facevi il saldatore e adesso segni il gol salvezza col Crotone qualcosa vorrà dire. Qualche consiglio l’avrai ascoltato. Qualche rospo l’avrai pur mandato giù, continuando a lavorare in silenzio per un sogno: “Finita la scuola e conseguito il diploma da Perito Meccanico ero in serie D, con il calcio non riuscivo a mantenermi”. Ora fa sognare una città. Toh, che storia Andrea Nalini (classe ’90). Già idolo di Crotone, che grazie alla doppietta nel 3-1 sulla Lazio – e alla sconfitta dell’Empoli a Palermo – si salva e sorride, ripensando a quando lavorava in fabbrica: “E’ stato il primo lavoro che ho fatto....”. Poi? “Poi sono stato in un azienda che produceva würstel, mi occupavo dell’insaccamento e del magazzino”. Scarpe infortunistiche, turni da otto ore: “Non riuscivo ad allenarmi bene, lavoravo anche di notte”. Con 800 euro al mese. E le trasferte? Impresa: “Spesso il sabato lavoravo mezza giornata e poi mi aggregavo alla squadra prima della partenza”. Un panino in pullman e via, sui campi. Segnando come Callejon: “E' un idolo!".

❤️IMMENSE💙EMOZIONI❤️ #fccrotone #forzasquali #gruppovero #finoallafine

Un post condiviso da A n d r e a N a l i n i (@nalo90) in data:

Tanti "no" ai provini: "Mia mamma voleva il diploma!"

Vita da calciatore dilettante con la Virtus Vecomp, dove grazie al presidente Luigi Fresco riesce a trovare un impiego: “1400 al mese nella ditta Cordioli”. Promozione, Eccellenza. Dove il calcio è solo passione. Provini “provati ovunque” e tanti "no". Secchi e decisi: “Chievo, Verona, Inter, Milan e Genoa… nessuno mi prendeva”. Colpa anche della mamma: “Voleva che mi diplomassi”. Cosa che poi è riuscito a fare, Nalini. Perché è uno che quando si mette in testa una cosa poi ci arriva. La fa. Come l’esordio e il gol in Serie A, come la salvezza. Indelebile.

Un post condiviso da A n d r e a N a l i n i (@nalo90) in data:

"E' la strada che ho sempre sognato"

Prima la Lega Pro, poi l’approdo alla Salernitana: "Mi notarono grazie a una partita contro la Casertana. Adesso eccomi qui". I primi sei mesi non scende mai in campo, forse a causa dei ritmi di un allenamento vero. Bene il primo anno invece, con 3 reti in 26 partite, male quello successivo, con tanti dubbi e poche certezze. “Che faccio, scendo di categoria? Mi rimetto in gioco?”. E invece, quasi dal nulla, arriva la chiamata di un Crotone che ci crede. Speranzoso di dar vita a un bell’attacco. Nicola ci scommette, il presidente pure. I compagni idem. Passo dopo passo Nalini fa il suo esordio in Serie A e segna pure, doppietta contro la Lazio. Ergo? Salvezza. Con Nicola che adesso se la farà in bici fino a Torino, promessa da mantenere. Come quella di Nalini, che anni fa diceva alla mamma che sarebbe diventato un calciatore. Che prima o poi l’avrebbero preso, come lui si sarebbe diplomato, e che il sogno era vicino. Ora può dirlo a voce alta: “Anche mia madre vede che questa è la strada che ho sempre sognato, è felice per me". Come tutta Crotone, che si salva e piange anche grazie a Nalini, il Vardy italiano. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport