Atalanta, Kurtic: "L'anno prossimo in Champions? Perché no!"

Serie A
Jasmin Kurtic, centrocampista dell'Atalanta (Foto: LaPresse)
kurtic_roma_atalanta_lapresse

Il centrocampista sloveno ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport, dove ha dichiarato le sue ambizioni future con l'Atalanta e in nazionale, ricordando l'esperienza con la Fiorentina e l'amicizia con Ilicic: "Il mio 27 è per lui"

Poche copertine, ma un apporto in campo sempre concreto. Gian Piero Gasperini ha trovato in lui un giocatore esperto e affidabile, disponibile a seguire l’allenatore e fare da guida ai tanti giovani lanciati dai bergamaschi. Jasmin Kurtic ha affrontato diversi temi, nell’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. A partire dal ritorno in Europa League. "Ho giocato cinque partite con la Fiorentina. Il debutto fu col Guingamp e feci un assist. Ma stavolta sarà tutto diverso, sarà una nuova sfida. Ce la giocheremo, d’altronde se si arriva quarti in Serie A si è pronti a tutto" ha detto il centrocampista. E a proposito dei viola, il calciatore li ricorda così: "Piansi perché avevo capito che era una grande occasione. Ho un ottimo rapporto con Ilicic, all’inizio mi ha aiutato con l’italiano e ho scelto il numero 27 per lui. Non ci vediamo più come prima, è diventato papà, ma lo andrò a trovare al mare, in Croazia".  L’Atalanta è stata una scelta di vita: "Ho accettato di venire qui anche se avevo offerte più vantaggiose, ho trovato un società seria e organizzata. Con Reja i giovani non avevano molto spazio, con Gasperini sono esplosi. Dopo la fatica iniziale, sono arrivati i risultati ed è stato tutto più facile. Bravi noi a rimanere sul pezzo quando abbiamo capito di poter arrivare all’Europa".

Il cambio ruolo e la corsa al Mondiale

Conti e Gomez, due dei protagonisti della favolosa cavalcata, potrebbero andar via durante il mercato. “Il calcio è imprevedibile. Se arriva un’offerta importante è giusto che il club e il giocatore ne parlino” è il pensiero di Kurtic. Che a 28 anni si è riscoperto trequartista: “Mi piace giocare vicino alla porta, inizialmente ero più basso. Ora invece ho tante soluzioni, che sia il passaggio o il tiro da fuori. Il merito è anche di Gasperini. Poi aver tenuto alta la concentrazione e la buona condizione fisica ha fatto il resto. Con la Slovenia continuo a fare la mezzala sinistra, in un ruolo che era mio pochi mesi fa”. Quale che sia la posizione in campo, ciò che non cambia è la forte ambizione, in nazionale come col club. “Punto al Mondiale, saranno decisivi gli ultimi scontri diretti. Con l’Atalanta pensiamo in grande. La Champions? Perché no” ha concluso lo sloveno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport