Spal, Semplici: "Restiamo con i piedi per terra"

Serie A
Semplici, Spal (Getty)
semplici_spal_getty

Un pareggio contro la Lazio e una vittoria contro l’Udinese, dopo l’ottimo avvio di stagione Leonardo Semplici lancia un messaggio chiaro alla sua squadra: "Bisogna essere realisti, rimanere con i piedi per terra e lavorare tanto"

Due partite, quattro punti e una vittoria finale arrivata proprio in pieno recupero contro l’Udinese: dopo il pareggio all’Olimpico contro la Lazio, ecco arrivare il primo successo in campionato per la Spal. Un inizio davvero positivo, per molti inaspettato. Guai, però, adesso a lasciarsi distrarre: è questo infatti il messaggio che arriva da Leonardo Semplici, allenatore della formazione biancazzurra, nel corso di un’intervista rilasciata a Radio CRC. "Se vogliamo provare a dare filo da torcere alle squadre di serie A dobbiamo lavorare e avere ben salde le nostre convinzioni. Io e la mia squadra ogni giorno ci mettiamo in discussione per migliorarci e per restare nella massima categoria. Se ciò dovesse accadere sarebbe particolarmente importante".

"Bisogna essere realisti: piedi per terra e tanto lavoro"

Un inizio di stagione sicuramente importante, ma Leonardo Semplici chiede alla sua squadra di rimanere concentrata sull’obiettivo salvezza: "Europa League? Siamo orgogliosi di aver riportato la Spal in serie A, dove mancava da 50 anni, ma siamo realisti e sappiamo che campionato faremo. Siamo partiti bene con due ottime prestazioni ma dobbiamo rimanere con i piedi per terra e lavorare come abbiamo sempre fatto, provando a mettere in campo le nostre qualità. Poi, è chiaro che sogniamo di fare cose migliori. Sicuramente daremo battaglia a tutte le avversarie, indipendentemente da come si chiamano: il campo dirà dove arriveremo", le parole dell’allenatore della Spal.

"Io come Sarri e Allegri? Devo pedalare tanto"

Tra i segreti dell’ottimo inizio di campionato della Spal c’è proprio lo stesso Leonardo Semplici, tra i giovani allenatori che maggiormente si sono messi in mostra nelle ultime stagioni: "Essere accostato ad allenatori toscani come Sarri e Allegri è un motivo di orgoglio ma devo volare basso e lavorare: attraverso il lavoro magari un giorno mi avvicinerò a questi nomi. Devo pedalare, ho tanta strada da fare e sono concentratissimo sul mio presente. Lazzari sta facendo molto bene: è un ragazzo che  è cresciuto in maniera esponenziale. Mi auguro che possa attirare l'attenzione di squadre importanti, perché è un ragazzo eccezionale e merita di affermarsi in serie A", ha concluso l’allenatore della Spal.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche