Atalanta, Gasperini: "Temevo un calo dopo l'Everton, mentalità giusta"

Serie A
gasperini_atalanta_getty

L'allenatore nerazzurro dopo il pari di Verona: "Non era facile dopo l'impegno di giovedì, temevo un calo di concentrazione ma la squadra ha saputo reagire. Il doppio impegno ci toglie energie, ma saremo premiati"

Bastien spaventa l'Atalanta, poi Gomez pareggia nel finale. Il 'Papu' entra dalla panchina e trasforma il rigore dell'1-1, regalando ai nerazzurri un punto al Bentegodi. Questo il commento di Gian Piero Gasperini: "Contro un Chievo determinato, che voleva riscattare la sconfitta dello scorso turno, e dopo la serata magica di giovedì, era difficile – ha dichiarato l'allenatore dell'Atalanta - Quello che temevo di più, dopo la sbornia dell'altra sera, era la mancanza di cattiveria e la concentrazione. Ma i ragazzi sono stati bravi, hanno cercato di vincere. Nel primo tempo eravamo più freschi e abbiamo creato più opportunità. Rimediare dopo lo svantaggio non era facile, ma lo abbiamo fatto: era importante la mentalità".

"Il doppio impegno toglie energie, ma saremo premiati"

Atalanta chiamata a un tour de force, contro il Chievo la seconda partita in pochi giorni dopo la grande vittoria con l'Everton. "Tante partite ci toglieranno energia, ma saremo premiati – prosegue Gasperini - Il risultato di oggi mi soddisfa per l'andamento della partita, nei 90' forse meritavamo in più noi, è comunque un risultato che accettiamo. Il VAR? Ha azzeccato tutto, chiaro che dobbiamo abituarci. Qualcosa la toglie, ma aveva ragione. Questa è una fase di rodaggio per tutti. Doppio impegno? Non è un problema fisico o atletico, ma mentale e psicologico. Se si vuole, si può correre di più degli avversari".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche