Benevento: Baroni in bilico, col Crotone è già decisiva. L'allenatore: "Confronto sereno con la società"

Serie A

L'allenatore del Benevento commenta la quinta sconfitta consecutiva in campionato: troppo forte la Roma, che con una doppietta di Dzeko e due autoreti passa allo Stadio "Vigorito". Ora la partita di Crotone diventa decisiva anche per il suo futuro sulla panchina giallorossa

IL TABELLINO E IL COMMENTO DELLA PARTITA

Quinta sconfitta in cinque partite, per il Benevento è notte fonda. Anche oggi la squadra si è dovuta arrendere alla netta superiorità della Roma e la prossima partita, la trasferta di Crotone, diventa decisiva anche per il futuro di Marco Baroni. La società ha ribadito la fiducia all'allenatore dopo il confronto avvenuto a fine partita allo stadio, fiducia almeno fino al match di domenica alle 15. Durante il confronto è stata analizzata la situazione e si sono cercate soluzioni per uscire tutti insieme da questo momento negativo. E nella conferenza stampa post-partita, Baroni ha sottolineato: "Con la società, il DS Di Somma e il Presidente, c'è stato un confronto sereno. Abbiamo discusso tante cose, una delle quali è stata il rientro di quei giocatori che contiamo di recuperare in vista della prossima gara. Partita che sarà difficile, ma alla nostra portata".

"Dopo il gol della Roma è tornata la paura"

"Dopo la partita mi sono trattenuto con i ragazzi, abbiamo analizzato la gara. Fino al gol abbiamo fatto la partita che avevamo impostato. Aggressivi e attenti, anche con un paio di situazioni pericolose che dovevamo gestire meglio" - prosegue Baroni. "Poi però è tornata la paura: si sono fatte sentire le partite ben giocate ma perse con il Torino e il Bologna. Dobbiamo ritrovare quel Benevento, avere quello scatto mentale in più per fare risultato. Siamo stati anche sfortunati con gli infortuni, appena recupereremo tutti potrò pensare anche a variare il sistema. La partita di Crotone sarà determinante per il nostro campionato, sono queste le partite in cui la squadra deve rispondere 'presente'."

I più letti