Suso, il futuro è rossonero: "Voglio solo il Milan. Vi racconto chi sono"

Serie A
suso

Il n. 8 rossonero, ormai a un passo dal rinnovo del contratto, si racconta al Fatto Quotidiano. Tra ricordi e previsioni, le abitudini fuori dal campo e il carattere schivo e... Quella strana "fissazione" degli italiani

In Italia ha trovato la sua dimensione e dopo un avvio di campionato da 2 gol e 2 assist, presto potrà pianificare a Milano anche il suo futuro. Rinnovo a un passo per Suso, che prolungherà il suo contratto fino al 2022. Mancano ormai soltanto i dettagli e poi l’accordo sarà ufficiale. Un punto fermo dei rossoneri però, Suso si sente già di esserlo. E lo conferma in un’intervista al Fatto Quotidiano, in cui racconta anche una parte inedita di sé, le abitudini fuori dal campo e i suoi interessi. Tutto però comincia lontano da Milano: Suso esplode nel Genoa, dopo aver trovato poco spazio con Inzaghi e Mihajlovic: “Non mi vedevano. Così ho chiesto di giocare o andare in prestito e sono andato a Genova. A Gasperini devo molto”.

Punto fermo del Milan, anche in futuro

Con Montella però le cose cambiano e Suso diventa protagonista. Ora però, anche lui deve fare i conti con il cambio di modulo dal 4-3-3 al 3-5-2: “Mi sento più libero come esterno destro, ma faccio quello che mi viene chiesto e credo di poter essere utile anche da seconda punta, nessun problema”. Protagonista nel Milan, debuttante con la Spagna: “Entri nello spogliatoio e vedi tutti quei campioni… E capisci dove sei. Solo vedendoli da vicino ti rendi conto davvero di quanto siano forti. Ad esempio, Busquets. Sai che è forte. Ma quando lo vedi da vicino pensi: ‘Ah, è così forte?’”. Spagna uguale Real Madrid e Barcellona: nessuna voglia di tornare in patria per Suso, ma se lo chiamasse una di queste due squadre? “Beh con loro si farebbe molta fatica a dire di no… Scherzo. Il Milan vuole tenermi e io voglio restare qui. Anche Napoli, Roma e Inter mi volevano? Vero, ma ogni volta che mi arrivava una proposta, andavo dalla società e loro mi dicevano: ‘tu da qui non ti muovi’. E io ero felice, perché era quello che volevo anch’io".

"Esco poco, ma mi informo tanto"

Dalla Spagna e l’Italia all’Inghilterra. Un passo indietro nella carriera di Suso: “A Liverpool a un certo punto capii che non era l’ambiente giusto per me. Anche se ho un ricordo legato a quando mi presero: due mesi prima una professoressa mi aveva bocciato perché il giorno dell’esame avevo una partita. Lei non volle spostarmela… Ma quando mi prese il Liverpool andai da lei e le dissi: ‘ce l’ho fatta’. Fu una rivincita per me”. Dagli aneddoti al presente, anche quello fuori dal campo. Suso si descrive così: “Non esco quasi mai di casa, non vado alle feste. Vado al cinema solo per far felice la mia ragazza. La cosa che amo di più è starmene a casa, guardare la tv e portare a spasso i miei tre yorkshire. Sono un eremita? Beh, esco poco sì. Però mi informo. Uso Twitter da prima che andasse di moda, adesso mi sto informando sulla situazione tra Madrid e la Catalogna. Io però sono andaluso e mi viene difficile capire…” E non è l’unica cosa che Suso non comprende, anche se decisamente più leggera e che riguarda gli italiani: “La vostra fissazione per il fantacalcio. Chi mi ferma mi chiede di segnare, non gli interessa che la sua squadra vinca o perda. Siete un po’ strani eh…”

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche