Inter, addio al trequartista: Spalletti pensa al 4-3-3 o al 4-4-2

Serie A
Eder e Joao Mario (foto getty)

Spalleti sembra intenzionato a provare nuove soluzioni tattiche che non prevedano il trequartista. Due i moduli possibili: il 4-4-2 con le due punte Icardi-Eder, oppure il 4-3-3 con Perisic e Candreva in attacco ai lati di Icardi

Non smette di stupire Luciano Spalletti in questo avvio di stagione. Dopo aver portato i suoi giocatori al terzo posto in classifica e aver reso la difesa nerazzura una vera corazzata con soli due gol subiti in sei partite (seconda miglior difesa europea, dietro solo al Borussia Dortmund, e alla pari delle due squadre di Manchester e del Barcellona), l'allenatore dell'Inter potrebbe cambiare modulo e abbandonare quel 4-2-3-1 che finora ha portato buoni risultati. Il motivo? Spalletti non sarebbe contento del trequartista: né Joao Mario né Brozovic, infatti, hanno dato le giuste garanzie contro Bologna e Genoa. Le ipotesi più probabili sarebbero il 4-4-2 o il 4-3-3.

Eder con Icardi nel 4-4-2

Con questo modulo, gli intoccabili Candreva e Perisic agirebbero come esterni di centrocampo, arretrando il baricentro offensivo e iniziando l'azione più lontano dall’area avversaria. Il centrocampo verrebbe completato da Borja Valero e Vecino, impegnati nell’impostazione del gioco e nell’arginare le avanzate avversarie.

Brozovic-Joao Mario-Gagliardini nel centrocampo a 3

Se Spalletti decidesse di passare al 4-3-3, la spinta e gli inserimenti di Joao Mario, la fisicità di Gagliardini e i tiri da fuori di Brozovic potrebbero essere le chiavi ideali per completare il centrocampo a 3 nerazzurro. Vecino e Borja Valero rappresenterebbero le alternative. Davanti, confermato il tridente Perisic-Icardi-Candreva. 

Vanheusden fa crack, difesa a pezzi

La brutta notizia in casa Inter è l'infortunio del belga Vanheusden, giovane della primavera nerazzura che nella partita di Youth League contro la Dinamo Kiev si é rotto il legamento crociato del ginocchio sinistro. Non il primo a risentirne in questo avvio di stagione dopo gli infortuni di Conti, Milik e Tumminiello. Vanheusden era il secondo e ultimo ricambio sul fronte "difensori centrali" dell'Inter, con il solo Ranocchia (prima scelta) ora disponibile in caso di indisponibilità dei titolari Miranda e Skriniar. Possibile idea per Spalletti è quella di provare D'Ambrosio al centro della difesa (il terzino aveva già giocato in mezzo alla difesa in passato).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche