Napoli, Hamsik: "Mi godo il mio Napoli più bello. Il record di Maradona? Arriverà"

Serie A

Gol importante quello di Marek Hamsik, avvicinatosi a meno uno da Maradona: "Ci tengo a raggiungere Diego ma ormai non è una cosa impossibile, quando arriverà arriverà". Sarri analizza la vittoria firmata da Hamsik, Mertens e Koulibaly: "Segnali di crescita, ma per lo scudetto serve ancora più continuità". 

Settima vittoria consecutiva e solito spettacolo per il Napoli, gli azzurri schiantano 3-0 il Cagliari e continuano il proprio immacolato percorso fatto finora di soli successi. Niente da fare per gli uomini di Rastelli, costretti ad arrendersi sotto i colpi di Hamsik, Mertens e Koulibaly, autori dei tre gol che portano a 25 il bottino di reti del Napoli in sette partite. Ovviamente soddisfatto Maurizio Sarri, felice non solo per il risultato ma anche per la prestazione offerta dai suoi giocatori: "Bisogna pensare alla prossima partita e basta, i numeri lasciano il tempo che trovano. Ho visto una squadra ottima che è riuscita a fare una buona prestazione. Abbiamo fatto sette partite, quaranta giorni di campionato, quindi è tutto relativo. Per essere una squadra competitiva dobbiamo dimostrarlo in dieci mesi. Ci sono segnali di crescita ma è la continuità che ci dirà se siamo effettivamente cresciuti. Hamsik? Quando si parla di un fuoriclasse basta che faccia tre partite sottotono e si tirano fuori discorsi insensati. Marek può fare qualche prestazione non al suo livello, ma poi torna quello di sempre. Il sostituto di Mertens? L’opzione più probabile è quella con Callejon, ma tra i due oggi era più stanco lui. Mertens come attaccante centrale è stata una necessità, lui è andato oltre le nostre aspettative. Ha fatto qualcosa di straordinario. Roma e Inter? In quelle partite ci sarà poco da chiedere ai giocatori, la squadra si motiverà da sola. Segnali di crescita si danno nel secondo tempo di oggi, non in quelle con Roma e Inter. Adesso c’è la sosta ma molti giocatori non la faranno, perché giocheranno in Nazionale. Avremo pochissimo tempo per lavorare, il calendario è questo ed è folle. Quello delle Nazionali ancora più folle, o si trova un periodo dell’anno dove giocano solo le Nazionali oppure diventa tutto ingestibile".

Hamsik avvicina Maradona

Un gol per avvicinarsi a Maradona, una rete per sbloccarsi anche in questa stagione. Marek Hamsik mette la propria firma sul successo del Napoli sul Cagliari e si scrolla di dosso quell’unica macchia relativa al suo entusiasmante inizio di campionato: "Fare gol è sempre bello, ancora più bello è vincere sempre ed è quello che stiamo facendo. Sono contento di questo. Ci tengo a raggiungere Maradona ma non è una cosa impossibile, quando arriverà arriverà. La squadra sta andando alla grande, sette vittorie su sette è tanta roba. Questo è il Napoli più bello in cui ho giocato, abbiamo fatto divertire anche oggi il pubblico. Lo scudetto? Lo stiamo dicendo, siamo consapevoli della nostra forza, stiamo continuando con i risultati da gennaio 2017. Però è ancora lunga, ancora troppe partite, ottobre sarà veramente decisivo, abbiamo tante partite di spareggio. Adesso la Nazionale, poi Roma, City e Inter? Sicuramente ci diranno qualcosa queste partite, sono contro le nostre rivali, veramente sarà una settimana tosta, la dovremo preparare bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche