Fiorentina, Antognoni: "Contro l’Udinese grande risposta della squadra. Italia-Svezia? Servirà la migliore prestazione"

Serie A

Intervenuto ai microfoni del sito ufficiale della Fiorentina a margine di un evento in collaborazione con alcuni club vicino Firenze, il club manager viola Giancarlo Antognoni ha parlato del momento della squadra di Stefano Pioli e delle gare di playoff per l’accesso ai Mondiali che vedranno l’Italia impegnata contro la Svezia: "Contro l’Udinese risposta importante, cerchiamo di proseguire su questa strada. Italia-Svezia? Siamo favoriti, ma serviranno due grandi prestazioni". 

Il momento della sua Fiorentina ma non solo. Sguardo anche ai prossimi impegni della Nazionale italiana, impegnata nei playoff di qualificazione mondiale contro la Svezia. Il club manager della Fiorentina Giancarlo Antognoni, intervenuto ai microfoni del sito ufficiale del club viola, ha parlato così a margine dell'inaugurazione del nuovo campo della Polisportiva US Affrico, società vicino Firenze. "E’ Importante avere sempre questi contatti con il vicinato, mi fa piacere vedere i miei ex compagni viola e ho approfittato di questa occasione – ha detto Antognoni -. Penso che per la Fiorentina sia importante mantenere questi rapporti, il club deve sempre attingere dalle società più vicine ma mantenere una collaborazione anche con quelle più lontane da Firenze".

Domenica grande risposta, importante la vicinanza dei Della Valle

Per Antognoni, che ha parlato anche del rapporto con la proprietà, soddisfazione per il successo dell’ultimo turno di campionato contro l’Udinese: "La vittoria di domenica? Thereau ha fatto il famoso gol dell’ex, anzi, in questo caso ne ha fatti due – ha aggiunto il club manager viola -. Ma devo dire che tutta la squadra ha giocato bene e ha dato una risposta importante dopo la brutta sconfitta con il Chievo. Questo risultato ci permette di proseguire più tranquillamente nel nostro cammino e nelle prossime quattro partite, sulla carta più abbordabili, cercheremo di ottenere buoni risultati. La vicinanza della proprietà c’è sempre stata, anche se non fisicamente ma a livello di contatti. Di sicuro la presenza di Diego Della Valle è stata importante ed  ha dato una scossa positiva, ma non ha influito sul risultato".

Italia, servirà una grande prestazione. Chiesa in Nazionale? Non diamogli troppe responsabilità

In chiusura una battuta sul playoff Mondiale, per conquistare il pass per la Russia l’Italia dovrà superare la Svezia: "La Svezia è sempre stata una squadra che ci ha messo in difficoltà perchè credo sia stata una delle prime che ha giocato a zona – ha concluso Antognoni -. Quando ai miei tempi ho giocato contro di loro ero spesso in difficoltà, credo che tuttora stiano proseguendo su questa strada. Ci è capitata una squadra non facile, di sicuro avremmo potuto trovare un avversario più semplice. La Svezia va rispettata, anche se i valori in campo sono diversi: è chiaro che l’Italia è favorita, ma per conquistare il pass per i Mondiali ci vorrà una grossa prestazione da parte degli azzurri. Se consiglio a Ventura di convocare Chiesa? Federico è in Under 21 ed è quindi già monitorato da Ventura, sta facendo bene e il CT lo tiene certamente in considerazione. Il ragazzo però ha ancora solo 19 anni, ne compirà 20 fra poco, quindi bisogna avere pazienza e non dargli troppe responsabilità".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche