Juventus, Pjanic: "Sappiamo di dover fare di più, lavoriamo tanto per migliorare"

Serie A
Miralem Pjanic, centrocampista della Juventus (Getty)

Le parole del centrocampista: "Sappiamo di dover fare di più ma siamo lì. Non mi importa della gara tra Napoli e Inter, quello che conta è fare i tre punti contro l'Udinese; non sarà facile perché in casa vorranno fare bene. Noi però abbiamo capito i nostri errori e vogliamo migliorare come squadra"

Contro lo Sporting Lisbona la Juventus è tornata a vincere dopo lo stop in campionato del turno scorso contro la Lazio, domenica alle 18:00 i bianconeri affronteranno l'Udinese dell'ex Delneri alla ricerca dei tre punti. Del momento della squadra di Allegri dopo il successo in Champions e delle speranze in vista delle prossime gare, in questo mese importante per il gruppo, ha parlato ai microfoni di Sky Sport Mirale Pjanic, tornato in gol proprio mercoledì sera. Queste le sue considerazioni.

Sulle sue condizioni fisiche e sullo Sporting

"Per recuperare la condizione è sempre importante allenarsi al massimo e giocare, io sono reduce da tre settimane di stop ma anche durante la sosta io e i miei compagni abbiamo fatto molto bene con i preparatori e i medici. Ci hanno dato il programma e sono molto contento di essere tornato a giocare una partita di 90 minuti. Alla fine ero un po' stanco ma penso sia normale, è importante comunque giocare per tornare al 100%. Stavo già abbastanza bene perché ho lavorato tanto con i preparatori e di giorno in giorno andrà sempre meglio. La vittoria contro lo Sporting è stata importantissima perché avevamo davanti una buona squadra e abbiamo conquistato tre punti pesanti. Forse non si conoscono abbastanza bene le potenzialità dei portoghesi ma noi abbiamo avuto tante occasioni e abbiamo tirato tanto in porta contro una formazione fisica. Non è stato semplice però abbiamo dato tutto fino alla fine e i nostri forza sforzi sono stati ripagati".

Sul momento della squadra

E ancora: "Abbiamo cercato questa vittoria e alla fine l'abbiamo portata a casa. Per il passaggio del turno non c'è ancora niente di definito ma questi punti pesano anche per il morale. Arrivavamo da una sconfitta e un pareggio in campionato e anche il fatto di andare sotto dopo pochi minuti non è stato semplice; ma siamo stati bravi a reggere, a continuare a giocare e non era facile. Possiamo migliorare tanto in tutto, così come l'anno scorso abbiamo avuto qualche difficoltà ma siamo lì anche se ci dispiace per come sono andate le ultime due partite. C'è stata un po' di sfortuna e anche questo fa parte del calcio, lo accettiamo ma vogliamo andare avanti. Questo è un campionato molto complicato con avversari e partite complicate, avremo modo di scontrarci con loro e noi ci saremo, lavoriamo di giorno in giorno per migliorare. Allegri ha detto che qualcuno non è connesso? Sappiamo molto bene che non abbiamo fatto tante partite perfette, ci sono cose da fare meglio e lo diciamo anche tra di noi; ma capiamo sempre i nostri errori come è successo anche in passato, vogliamo migliorare come squadra e anche l'allenatore ci ha parlato per far crescere i singoli e tutta la rosa. Sicuramente dobbiamo dare di più".

Sulle sfide con Dybala e sull’Udinese

"Se io e Dybala facciamo ancora le sfide con le punizioni in allenamento? Sì è vero, ogni tanto ci sfidiamo, l'importante è poi avere l'occasione di tirarle anche in partita perché per noi è un'arma in più così come è stato contro lo Sporting. Io mi trovo bene a tirarle e ognuno le calcia a modo proprio, tra i 16 e 25 metri di distanza dalla porta mi sento tranquillo a calciarle perché sono situazioni su cui lavoro. Allegri non partecipa a questo tipo di gare, sta lì, ci guarda, ci motiva e basta. La classifica comunque dice che noi siamo lì, sabato c’è lo scontro diretto tra Napoli e Inter ma non mi importa ciò che riguarda altri, siamo concentrati su di noi e dobbiamo solo pensare a fare punti pesanti contro l'Udinese, una squadra che in casa darà il 100% e non ci renderà le cose facili. Daremo tutto per ottenere i tre punti".

Le ultime da Vinovo

Per arrivare al massimo alla gara contro l’Udinese, la Juventus si è allenata anche quest'oggi a Vinovo - come riporta il sito ufficiale del club. Massimiliano Allegri ha potuto contare anche su Claudio Marchisio che ha preso parte a tutta la seduta di lavoro insieme ai compagni e si prepara così a tornare a disposizione dell'allenatore. Chi invece non si è allenato è Stefano Sturaro a causa di un risentimento muscolare ai flessori della coscia sinistra accusato durante la partita di Champions League - durante la quale era stato sostituito nella ripresa. Stesso discorso anche per Benatia, ko per un forte trauma alla caviglia sinistra subito nel primo tempo della partita contro lo Sporting. Lavoro ancora personalizzato per Howedes, che continua quindi il suo programma di recupero per tornare presto in campo; infine Marko Pjaca e Mattia De Sciglio hanno svolto soltanto una parte dell'allenamento con il gruppo ma non sono ancora considerati totalmente recuperati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche