Milan-Juve, Marani: "Milan sfortunato. Juve, occhio all'Inter"

Serie A

Matteo Marani

Matteo Marani, direttore di Sky Sport 24

Il direttore di Sky Sport 24 ha presentato il big match dell'undicesima giornata: "Pesa più Suso nel Milan che Dybala nella Juventus. Bonucci in rossonero non ha la stessa libertà che aveva con Barzagli e Chiellini"

Tutti i riflettori ovviamente puntati su Milan-Juventus. Una classica del calcio italiano, che il direttore di Sky Sport 24, Matteo Marani, ha presentato in studio: “Il 3-4-2-1 va incontro a diverse esigenze del Milan, per Montella. Non credo che la difesa a tre fosse tra le idee principali dell'allenatore, ma ci si è dovuto applicare per l'esigenza per dare la posizione a Bonucci che ora non ci sarà. Serve soprattutto per le fasce e per Suso che ora è il grande valore aggiunto della squadra. Il Milan non ha avuto nemmeno fortuna, Conti sta mancando parecchio e su quella fascia bisogna spesso adattarsi”. Un campionato così equilibrato dà tanti interrogativi su chi effettivamente riuscirà a tenere il passo: “Oltre al Napoli, la Juve può essere impensierita dall'Inter, che ha presentato un bilancio molto interessante. Il fatturato per la prima volta supera i 300 milioni, con 80 milioni di ricavi e un aumento del 30%. E' un risultato che mi fa ripensare alle parole di Agnelli sui numeri della Juventus. In questo momento l'Inter mi sembra molto avanti”.

Duelli individuali

Sfide nella sfida, a distanza o nella stessa zona di campo. Duelli individuali che potrebbero decidere in un senso o nell’altro la partita. “Suso è più importante per il Milan di quanto Dybala al momento non sia per la Juve, è un salvatore in questo momento. L’argentino però al momento ha qualcosa in più dalla sua: può essere utilizzato in più ruoli e ha fatto tanti gol” ha detto Marani. Quindi, Biglia contro Pjanic: “Biglia è sotto i suoi standard, dovrebbe dare ordine ed è mancata la migliore versione. Pjanic è superiore, ha qualità diversa, è un trequartista messo in regia, fa più gol. Biglia non è più nella fase centrale della sua carriera e questo pesa”. Così invece sul confronto tra Donnarumma e Buffon: “Donnarumma ha avuto un'estate pesante, è partito con delle difficoltà ma è destinato ad essere il nuovo Bufffon, molto probabile il passaggio di consegne specialmente con un ultimo Mondiale del bianconero. Sono due storie, una che va chiudendosi e l'altra che va iniziando”. Infine, un pensiero a Bonucci, il grande assente: “Bonucci alla Juve aveva due difensori perfetti in marcatura che lo liberavano, ciò gli permetteva di fare la differenza. Il Milan non li ha ancora, e questo l'ha snaturato, togliendogli libertà di movimento”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche