Sampdoria, Viviano: "Che bello l'affetto della gente"

Serie A
Emiliano Viviano, portiere della Sampdoria (Foto: Getty Images)

Il portiere blucerchiato ha rilasciato un'intervista a Samp TV: "Mi scuso con Doveri, che in passato ho attaccato in pubblico. Ringrazio Sorrentino per aver messo quel messaggio sui suoi guanti: mi ha commosso"

La fine di un incubo, per Emiliano Viviano, che ieri è finalmente tornato in campo con la sua Sampdoria. Doppia festa, dunque, visto il punteggio con cui i blucerchiati si hanno superato il Chievo Verona. Un 4-1 che conferma la squadra di Marco Giampaolo tra le migliori del nostro campionato. “Non sono il tipo che si piange addosso ma stare fuori così tanto tempo non è mai bello. Poi dopo sorgono tanti dubbi, anche in un tipo che ha tanta esperienza come me” ha detto il portiere a Samp TV. Tuttavia, il sostegno dei suoi tifosi non gli è mai mancato: “Entrare e sentire l'affetto della gente è ciò per cui voglio giocare a calcio”. Il portiere è tornato sulla vittoria di domenica: “Il Chievo insieme all'Atalanta è la squadra che ci ha messo maggiormente in difficoltà, quest'anno tante volte pur giocando bene non abbiamo fatto punti e stavolta siamo contenti di essere stati cinici”.

Le scuse all’arbitro

L’intervista è stata l’occasione per rimediare a qualche errore: “E’ stato bravissimo l’arbitro Doveri, una volta pubblicamente l’ho attaccato ed è giusto che mi scusi con lui adesso, perché molte si fa finta di niente quando si parla di cose di campo, invece io ho sbagliato pubblicamente e allo stesso modo chiedo scusa”. Per questa giornata di campionato, Sorrentino ha scritto sui propri guanti il messaggio dei figli di Viviano per il rientro in campo: “Lo ringrazio per il bel gesto, mi ha commosso e gli sono molto grato”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche