Inter, è record nell'era dei tre punti: neanche la squadra del Triplete partì così bene

Serie A

Nemmeno Mourinho riuscì nel 2009 a fare meglio di Spalletti: 29 punti in 11 partite sono un record per il club nell'era dei tre punti. Nerazzurri nel segno della continuità: in cinque match hanno schierato lo stesso undici iniziale

È un’Inter da 10 in pagella. Lo ha detto Spalletti dopo il 2-1 di Verona, lo confermato i numeri di una stagione cominciata al meglio. I nerazzurri non mollano e rilanciano, settimana dopo settimana, la sfida al Napoli, in classifica lontano, dopo 11 giornate, appena due punti. Nove vittorie e due pareggi (contro Bologna e, appunto, Napoli) per i nerazzurri, che mai erano partiti così bene in campionato nell’era dei tre punti: 29 quelli raccolti finora, due in più rispetto alla undicesima giornata del 2009-2010, quando in panchina sedeva José Mourinho. Tutti ricordano come finì quella stagione: Triplete in bacheca e storia riscritta. Non avrà di mezzo le coppe europee, ma è certo che Spalletti sta gestendo al meglio una squadra - va detto - con diverse novità, che ha preso in mano solo da pochi mesi: Skriniar ha già preso in mano le redini della difesa, Vecino sta dimostrando in mezzo carattere da leader, Borja Valero ha trovato da trequartista la sua giusta dimensione: “Il record è merito di chi va in campo”, per riprendere le parole dell’allenatore toscano.

Elogio della continuità

Si è detto “brutta”, si è detto “fortunata”: dopo undici giornate, però, la formula Inter sta dimostrando di essere in prima battuta vincente. Spalletti è partito con le idee chiare e da quelle certezze non si è mai mosso: il 4-2-3-1 è stato una costante, nonostante qualche giro a vuoto a inizio campionato. E c’è di più: i nerazzurri sono gli unici a essere scesi in campo per cinque volte con lo stesso undici iniziale. Un dato, questo, che non appartiene a nessun’altra delle 19 squadre della Serie A e che sottolinea quella continuità che, oggi, è il vero punto di forza del gruppo. Il turnover, finora, è rimasto solo un’ipotesi: alle certezze offensive - Perisic, Candreva e Icardi inavomibili - si sono sommate anche quelle di una difesa che sul lungo periodo sembrava potesse avere qualche difficoltà: oltre al già citato Skriniar, Miranda continua a essere una garanzia, mentre D’Ambrosio e Nagatomo hanno sorpreso tutti per la loro crescita repentina. Continuità, carattere, risultati: è un’Inter da record.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche