Inter, il ds Ausilio: "Spalletti come Mourinho, è un comandante. E a gennaio non vuole nessuno"

Serie A
Piero Ausilio, ds dell'Inter (getty)

Il direttore sportivo nerazzurro elogia Spalletti: "Sta dando una mentalità precisa alla squadra, ha tante cose in comune con Mourinho. Rinnovo? Stiamo bene, è l'ultimo dei problemi". Sul mercato: "Dentro un big solo a fronte di una cessione importante"

CLICCA QUI PER SEGUIRE INTER-TORINO LIVE    

L’avvio di stagione dell’Inter ha sorpreso tutti. Dopo undici giornate squadra ancora imbattuta e salda al secondo posto, a sole due lunghezze dal Napoli. Luciano Spalletti ha riportato il sorriso in casa nerazzurra e i suoi numeri, per ora, sono migliori anche di quelli del Mourinho del Triplete: “Trovo delle similitudini tra i due sulla voglia di alzare sempre l’asticella, di comunicare a tutti, squadra, società e tifosi, di fare sempre qualcosa di più, di tenere al massimo il livello di attenzione”, ha raccontato al Corriere dello Sport Piero Ausilio. “L’obiettivo è quotidiano, si guarda al giorno dopo, al massimo alla prossima partita, mai troppo avanti. Luciano sembra qui da tanti anni, si è integrato alla perfezione non solo con il mondo Inter, ma anche con la città. È attento alla cura del particolare: per esempio lui è un intenditore di terreni, sa come coltivarli e per questo è attentissimo al taglio dell’erba e a come devono essere segnati i campi prima degli allenamenti. Inoltre ha insistito molto sull’aspetto della nutrizione, tant’è che da venti giorni abbiamo inserito nello staff un dietista che quotidianamente si raffronta con gli chef e lo staff medico”.

"Spalletti ha conquistato i suoi giocatori, la squadra è compatta"

A Spalletti sono bastati quattro mesi per ridare un’identità - che sembrava persa - all’Inter: “La storia parla per lui: Spalletti ha sempre fatto bene utilizzando più sistemi di gioco”, ha continuato il direttore sportivo nerazzurro. "Sta dando una mentalità precisa ai giocatori, vuole dominare l’avversario, ma non perde di vista l’organizzazione, i principi di gioco e le qualità degli avversari, perché non si può avere lo stesso atteggiamento con la Roma e con il Napoli. Luciano non è un integralista, pensa che si possa arrivare al risultato in modi diversi. Ha conquistato i giocatori con il suo credo: tutti corrono e lavorano per gli altri. La squadra è compatta, corta e ha la sua ‘cazzimma’”. Un allenatore che sa essere un duro: “Spalletti è il comandante di questa truppa. Ricordate quanto successo a Brunico col tifoso che se l’era presa con Ranocchia? Lui l’ha messo subito in riga, lanciando un messaggio a tutti: questi sono i miei ragazzi e io mi metto davanti a loro. Non troverete un’intervista in cui non difenda qualcuno dei suoi giocatori: per lui sono veramente i migliori al mondo, tant’è che non vuole assolutamente che venga venduto nessuno a gennaio. Il rinnovo? Abbiamo concordato due anni puliti, senza clausole. Stiamo bene insieme e quando si sta così, l’ultimo dei problemi è capire per quanto tempo bisogna continuare. Consideriamo Spalletti un vero tesoro, fondamentale per il presente e per i progetti futuri dell’Inter”.

"Sul mercato decide la proprietà. Dentro un big solo a fronte di cessioni"

A proposito di gennaio: il calciomercato è già vicino. E le prime voci cominciano ad uscire, a partire da quelle su Ramires, ex Chelsea oggi al Jiangsu Suning: “Ramires come giocatore non si discute, ma spetta alla proprietà e non al direttore sportivo dell’Inter valutare cosa sia meglio per gli obiettivi dei rispettivi club. E comunque abbiamo già cinque centrocampisti molto forti”. Su Vidal, invece: “Voglio essere chiaro, perché non è giusto illudere i tifosi. Noi a gennaio non possiamo fare operazioni in entrata che non siano sostenute economicamente da pari operazioni in uscita: abbiamo già presentato alla Uefa una fotografia dei nostri conti per il ’17-18 e, se dovessimo cambiare qualcosa, dovremmo modificare tutti i piani. Non possiamo andare sul mercato e spendere 30-40 milioni: questo vale per tutti, non solo per Vidal". E sulla convivenza con Sabatini… "A differenza di quanto pensino in molti, siamo amici e ci stimiamo da tempo. Ci siamo trovati un po’ per caso, ma lavoriamo facilmente insieme. Abbiamo trovato un equilibrio e la cosa bella è che abbiamo una visione simile del calcio: su dieci giocatori che piacciono a me, nove piacciono pure a lui e viceversa. Quando gli ho fatto i nomi di Skriniar e Dalbert, mi ha detto di prenderli subito. Ci completiamo e la sua esperienza mi arricchisce: quest’estate ho visto più lui di mia moglie e da fumatore passivo sono diventato uno da due-tre sigarette dopo cena...".

"Col Torino partite storicamente complicate"

Domenica a San Siro arriva il Torino di Mihajlovic: “Sarà una sorta di derby, è vero. Sinisa è un amico, ha giocato e allenato qui. In squadra poi ha tanti ex come Obi, Burdisso, Ansaldi e Ljajic. Il Torino è un’ottima squadra, con giovani interessanti, forza fisica a centrocampo e tanta qualità davanti. Quelle col Toro sono per noi sfide storicamente difficili, e poi si sono ripresi proprio nella settimana sbagliata…". Su Cairo: ”È molto tosto sul mercato. Ansaldi, per dire, era già chiuso, ma ci siamo messi a discutere per i bonus, perché sia che fossero di 50 euro o 50mila, il presidente era deciso a non mollare nulla. Anche quando abbiamo preso D’Ambrosio a sei mesi dalla scadenza, per Cairo era come se avesse ancora cinque anni di contratto”, ha concluso Ausilio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche