Atalanta, Gasperini: "La gara con l'Inter è importante ma contro l'Everton sarà decisiva"

Serie A
Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta (foto Atalanta.it)

Le parole dell'allenatore in conferenza stampa: "Il 7-1 dell'anno scorso è stato uno schiaffo che ha prodotto una reazione fantastica e una risalita incredibile. Non ho ricordato quella giornata ai ragazzi perché dobbiamo essere pronti per un tour de force importante"

La partita che chiuderà la domenica del 13º turno di Serie A apre un nuovo ciclo di gare molto importanti per l'Atalanta di Gian Piero Gasperini. I nerazzurri tornano a San Siro, dove lo scorso anno persero 7-1; ma il brutto ko contro l'Inter non aveva fermato la corsa della formazione bergamasca che ora vuole però definitivamente cancellare quella brutta giornata. Reduce da due pareggi consecutivi tra campionato ed Europa League e da una sconfitta contro l'Udinese, l'Atalanta vuole assolutamente tornare alla vittoria, per migliorare il bottino di 16 punti momentaneamente conquistati dopo 12 partite. Per questo serviranno il giusto atteggiamento e una grande gara per riuscire a giocarsela contro la formazione guidata da Spalletti. Alla vigilia del match Gasperini ha parlato così dei giocatori a disposizione e delle aspettative in vista della sfida di San Siro.

Sulle condizioni del gruppo

"Con i 15 giocatori che sono rimasti qui abbiamo lavorato bene e anche gli altri sono rientrati piuttosto in fretta. Spinazzola si è infortunato e starà fermo perché il suo è un infortunio muscolare e ci vorrà qualche settimana ancora. Gomez ha giocato poco, Ilicic si è allenato regolarmente e Freuler è squalificato ma comunque è tornato bene - così come Cornelius. Il 7-1 della scorsa stagione è stato uno schiaffo, una sconfitta dura che ha prodotto una reazione fantastica e una risalita incredibile. Quella giornata ha prodotto un risultato pazzesco e quella era stata la partita della svolta. Non l’ho ricordato ai ragazzi perché ci stiamo preparando per un tour de force importante. Domani la partita sarà importante ma quella di giovedì sarà decisiva e potrà rappresentare un momento importante della stagione, se riusciremo a superare il girone".

Su squadra e avversario

"L’Inter sta andando molto forte - ha continuato - noi cercheremo di sicuro di fare meglio dell’anno scorso. Anche Freuler non ci sarà e Caldara ha qualche problema, per cui dobbiamo fare bene e proporci come sempre con le nostre caratteristiche. Castagne sulla sinistra? Ho qualche problema di scelta, Cristante è un altro che sta giocando sempre. Caldara proverà ma ha un fastidio muscolare anche se tutti gli esami sono negativi. Ilicic e Kurtic insieme? Vediamo. I nerazzurri di Spalletti in attacco sanno essere determinanti e fino ad ora ha fatto risultati grandi; l'Inter mi stupiva lo scorso anno quando non riusciva a fare altrettanto bene. Quest’anno ha avuto una svolta sicuramente determinante proprio grazie all'allenatore".

Sul fallimento della Nazionale  

Infine, sulla mancata qualficazione dell'Italia al Mondiale, Gasperini ha aggiunto: "Ho preso con grande dispiacere la sconfitta del gruppo azzurro, è difficile da accettare ma si sta dicendo di tutto e di più, quindi credo sia meglio stare zitti. Mi auguro sia come per il 7-1 dell’Atalanta contro l’Inter anche se non sono fiducioso per il futuro. Noi abbiamo un buon movimento, le potenzialità ma è tutto il resto che non funziona. L'Atalanta sicuramente è un buon prospetto ma spero che lo mantenga anche in futuro. La mia squadra va bene così, non ha tanti margini ma ha fatto le sue partite con buona predisposizione, ha fatto ottime gare; dobbiamo però vedere partita per partita. Il primo obiettivo è superare il turno giovedì sera. Se si escludono rarissimi casi abbiamo fatto partite tutte positive e stiamo giocando il nostro campionato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche