L'Inter di Balotelli, il Milan di Aubameyang, la Juve di Immobile: come giocherebbero oggi?

Serie A

Francesco Giambertone

Pierre-Emerick Aubameyang, Mario Balotelli,Ciro Immobile e Alessio Romagnoli (Foto Getty e Lapresse)
serie_a_primavera_oggi__1_

Come sarebbe la Serie A se le squadre fossero formate solo dai migliori giocatori passati dalle rispettive giovanili? L'Inter conterebbe ancora su Bonucci, il Milan ritroverebbe Verdi e Cristante, la Juve avrebbe finalmente Spinazzola. Ma l'ipotetico titolo se lo giocherebbero Roma e Atalanta

RISULTATI E CLASSIFICHE SERIE A

Tre gol di Cristante nell'ultima settimana. Tre gol di Verdi nelle ultime tre giornate. Il primo gol in carriera di De Sciglio. Tutti italiani, tutti con un tratto comune: un passato nelle giovanili del Milan, un presente da protagonisti lontano dalla squadra che li ha formati. Così, senza malizia, ci è sorto un interrogativo: e se tutti i migliori Primavera fossero rimasti nei club che li hanno cresciuti, come giocherebbero oggi le nostre squadre? Chiariamolo subito: è un gioco. Sappiamo tutti che ogni società fa le sue valutazioni, giuste o meno, per far quadrare i conti e che il calciomercato dà e prende. La Roma ha ceduto Romagnoli per 28 milioni al Milan, l'Atalanta Gagliardini per 22 all'Inter: determinare chi abbia fatto l'affare non è l'obiettivo del nostro “esperimento”. Prendetelo più come un piacevole esercizio di memoria e immaginazione.

Il Milan di Cristante e Verdi

Per esigenze di spazio e di tempo, formeremo degli 11 ideali composti dai migliori ex Primavera lanciati nel grande calcio dai nostri club. Toccherà quindi scegliere le migliori, diciamo 5, ed escludere le società che non arrivano a quel numero: ad esempio il Napoli, il cui settore giovanile è rinato troppo di recente per arrivare già a 11 buonissimi giocatori da Serie A, pur potendo vantare il merito di aver formato un certo Insigne. Partiamo dal Milan: in porta ovviamente Donnarumma, protetto da una difesa a quattro con De Sciglio, Astori, Darmian e Antonelli; a centrocampo la forza di Bryan Cristante, ora all'Atalanta, Manuel Locatelli e Giovanni Crociata, passato al Crotone; e in attacco un tridente notevole con Pierre-Emerick Aubameyang, oggi fenomeno in Bundesliga con un breve passato nella Primavera rossonera, assieme all'uomo del momento Simone Verdi e all'ex bimbo prodigio Andrea Petagna. In panchina ci teniamo l'altro Donnarumma, poi Abate e Calabria, Di Gennaro, Zanellato, Paloschi, Matri, Cutrone e pure Marco Borriello. Dove arriverebbe questo Milan? Giudicate voi. Certo sarebbe costato poco.

L'Inter di Balotelli e Bonucci

Sull'altra sponda del Naviglio troveremmo una squadra all'altezza dei cugini: Bardi in porta, in difesa Santon, tornato in nerazzurro, Bonucci, oggi capitano del Milan, il sempreverde Andreolli e il “bolognese” Mbaye; in mezzo al campo un trio di mastini come Obi, ora al Torino, Duncan, pilastro del Sassuolo, e Marco Benassi, comprato dalla Fiorentina; il meglio però verrebbe forse dall'attacco, con Mario Balotelli centravanti, Mattia Destro in suo sostegno e largo a destra Jonathan Biabiany. Nella lunga panchina nerazzurra siederebbero in tanti, e molto offensivi: i terzini Dimarco, Biraghi e Faraoni, i mediani Gnoukouri, Crisetig e Bessa, gli attaccanti Livaja, Bonazzoli, Puscas, Garritano e Pinamonti. Chissà che penserebbe Spalletti di una squadra così.

La Juve di Immobile e Spinazzola

E la Juventus? Forse tra le tre squadre con la maglia a strisce è quella che farebbe più fatica, nonostante un super bomber in attacco. Tra i pali ci sarebbe Antonio Mirante, davanti a lui Spinazzola a destra, Sorensen (ora al Colonia) e Andrea Masiello centrali, Pol Lirola a sinistra; in mezzo al campo il capitano sarebbe scontato, Claudio Marchisio, accanto a Iago Falque (forziamo un po', ma dalla Primavera bianconera ci passò anche lui, come "Auba" al Milan) e all'intramontabile Marrone. Non un centrocampo straordinario, dite? Però si punterebbe molto sull'attacco con Giovinco, ancora tra i più talentuosi della sua generazione, la speranza Kean e la certezza Ciro Immobile. Panchina: Audero, Mattiello, Ariaudo, Romagna, De Ceglie, Nocerino, Cassata, Favilli, Vitale. Forse non una squadra da Scudetto, ma con Allegri chissà...

Florenzi e Pellegrini, ma anche Politano e Ciciretti: che Roma

Ed eccoci alla Roma, che negli ultimi anni ha portato oltre 20 giocatori sulla scena della Serie A. Giocherebbe così, con un 3-4-3: Storari in porta; difesa a tre con Romagnoli, Antei e Barba; centrocampo con Florenzi, Pellegrini, De Rossi e Bertolacci; tridente leggero e tecnico formato da Politano, Ciciretti e Caprari, tre che insieme ci hanno giocato per davvero, sotto la guida di Alberto De Rossi nel 2011/2012. Non male, vero? Certo, a Di Francesco servirebbe qualche rinforzo. Ma in panchina avrebbe pronta un'altra squadra intera di talenti: Federico Ricci (oggi al Genoa), Valerio Verre (Sampdoria), Federico Viviani (Pescara), Daniele Verde (Verona), Marco D'Alessandro (Benevento), Leandro Greco (Bari), Alessio Cerci (Verona), Stefano Okaka (Watford) e Adrian Stoian (Crotone). Forse la miglior rosa tra quelle che abbiamo visto fin qui, ma ne manca una...

Zaza, Gabbiadini e un centrocampo Nazionale: Atalanta da Scudetto

Potrebbe davvero ambire allo Scudetto un'Atalanta così: i talenti cresciuti a Bergamo sono così tanti che facciamo fatica a sceglierne 11. Ma eccoli qui: coi guanti ci sarebbe ancora Andrea Consigli; davanti a lui Andrea Conti, Mattia Caldara e Daniele Capelli, in una coraggiosa difesa a tre; sulla linea dei centrocampisti a destra troveremmo Zappacosta, al centro il trio formato da Baselli, Kessié e Gagliardini, con Bonaventura largo a sinistra, a suggerire per le due punte; in avanti, il tandem – non titolare, ma comunque in Nazionale – formato da Simone Zaza e Manolo Gabbiadini. Sarebbero i più forti? Forse sì, contando che rimarrebbero fuori Marco Sportiello, Riccardo Montolivo, Giampaolo Pazzini, Jacopo Sala, Simone Padoin e parecchi altri. Verrebbe fuori un'Atalanta da sogno, che di questi tempi non ha bisogno di sognare: la realtà nella Bergamo alta, quella d'Europa, è già bella così. Non ci siamo dimenticati dell'Empoli di Tonelli, Rugani e Saponara, del Genoa di Perin, El Shaarawy, Mandragora e Sturaro; o della Fiorentina di Bernardeschi, Chiesa e D'Ambrosio. Per adesso ci fermiamo qui citando il poeta Giovanni Storti: "Non ce la faccio, troppi ricordi...".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche