Hellas Verona, arriva la Juventus. Pecchia: "Bisognerà avere coraggio"

Serie A
Fabio Pecchia, allenatore dell'Hellas Verona (getty)
pecchia

L'allenatore gialloblu alla vigilia del match contro la Juventus: "A Udine calo mentale, ora dobbiamo dare il nostro meglio. Tutti a disposizione tranne Fares, Caceres ce la fa"

LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 19^ GIORNATA DI SERIE A

La pesante sconfitta di Udine (4-0 per i bianconeri) ha scalfito le certezze - seppur fragili - dell’Hellas Verona, ancora una volta costretto a rincorrere in stagione. L’ultima giornata del girone di andata corrisponde anche a quella, sulla carta, più difficile: al Bentegodi, infatti, arriverà la Juventus, in un ottimo momento di forma e desiderosa di conquistare il titolo di campione d’inverno. Fabio Pecchia però ha fiducia nei suoi, come ammesso nella conferenza stampa della vigilia: “Venivamo da prestazioni di un certo valore, per questo il risultato fa ancora più male”, ha detto analizzando il KO contro l’Udinese. “Abbiamo affrontato la gara con poche energie ed è arrivato anche un calo mentale. Bisogna sempre essere al top”. E ora arriva la Juventus: “Dobbiamo dare il nostro meglio e avere coraggio perchè la forza dell’avversario è evidente. Pensiamo a giocare con coraggio, con il cuore, senza fare calcoli, come abbiamo fatto contro Inter e Milan”.

"Alla Juve toglierei la mentalità vincente: sono un esempio"

Per strappare punti ai bianconeri servirà la partita perfetta, utile anche a scacciare i malumori dei tifosi: “Perfezione è una parola importante - ha continuato Pecchia - Alla mia squadra dico che occorre giocare al massimo delle nostre potenzialità fisiche e mentali per affrontare una squadra molto forte come la Juventus. Chi toglierei ad Allegri? Non è una quastione di individualità, ma di squadra. A loro toglierei la mentalità vincente. Riescono a fare tutto: palleggio, velocità, fisico… Ognuno di noi dovrà dare il massimo”. Buone notizie dall’infermeria: “Sono tutti a disposizione a parte Fares. Valoti ha ripreso col gruppo, anche se non è al meglio, e Caceres dovrebbe aver smaltito il problema alla schiena”. E la risposta del Bentegodi è quella di un pubblico che ci crede: quasi tutto esaurito per sabato sera. “Proveremo a fare una gara che possa esaltare i tifosi - ha concluso l’allenatore gialloblu - tutto dipende dal nostro modo di essere in campo, dal punto di vista della personalità e coraggio”. Ultima battuta prima di lasciare la sala stampa su Caceres, forse in uscita: “Sicuramente per lui sarà l’ultima partita del 2017 (scherza, ndr)”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche