Serie A, Udinese-Milan. Gattuso: "Cutrone è tarantolato. Silva titolare? E' una possibilità"

Serie A
Gattuso, Milan (ph acmilan.com)

L'allenatore rossonero: "I complimenti? La mia strada è ancora lunga. Dal mercato non ho voluto nessuno perchè credo in questa squadra, ma non illudiamoci di essere belli come Brad Pitt". Poi sui singoli: "Voglio più gol da Suso, ma è un giocatore che mi tengo stretto. Cutrone è tarantolato. Silva titolare? E' una possibilità"

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

CALCIOMERCATO: GLI AFFARI SFUMATI - ESTERO, I COLPI DI GENNAIO

Tre vittorie consecutive in campionato, l'ultima – quella conquistata contro la Lazio – ancora più preziosa perchè ottenuta contro una squadra più avanti in classifica come mai successo prima in questa stagione. Milan che adesso cerca ulteriori conferme contro l'Udinese, una sfida – quella che si disputerà domenica pomeriggio alla Dacia Arena con fischio d'inizio alle ore 15 – che l'allenatore rossonero Gattuso presenta così in conferenza stampa: "Domani bisogna fare una grandissima gara per far risultato. L'Udinese è una squadra fisica, che fa correre all’indietro gli avversari, una formazione che sa verticalizzare molto bene. Non bisogna sbagliare nulla, non è un caso la risalita che hanno fatto, stanno molto bene. La sfida con Oddo? Con Massimo abbiamo condiviso tantissimi momenti. E' una persona intelligente e divertente e lo dimostrano anche i suoi successi fuori dal campo. Ha preso qualche cinquina in faccia da me perchè scherzava sempre, vivevamo l'avvicinamento alle gare in maniera diversa", le parole di Gattuso.

"Zero acquisti? Credo in questo gruppo. Champions? Non siamo Brad Pitt"

"Stiamo lavorando bene con questo gruppo e il merito è dei ragazzi che hanno qualità e compattezza. Ultimamente giocano sempre i soliti, ma non voglio vedere atteggiamenti negativi perchè serve l'aiuto di tutti, anche di chi gioca meno. Non voglio vedere musi lunghi. Mercato? Non è arrivato nessuno perchè credo fortemente in questa rosa. L'ho detto alla proprietà, a Fassone e a Mirabelli. Mi chiedevano se avessi bisogno di qualcosa ma ho sempre detto che andava bene così", le parole di Gattuso. L'allenatore del Milan poi aggiunge: "I complimenti al mio lavoro mi interessano poco. Io conosco le mie idee e so di avere uno staff preparato: ho convinzione dei miei mezzi, questo sì. Non ci dobbiamo dimenticare cosa dicevano di noi fino a poco tempo fa, altrimenti facciamo l'errore di tornare indietro. Non siamo tutti Brad Pitt, dobbiamo essere brutti come me e la mia barba. Neri come Calimero e con le occhiaie. Sento parlare di corsa Champions, ma oggi non siamo nemmeno in Europa League. Pensiamo alla Sampdoria che è avanti di noi e proviamo ad agganciarla", ha proseguito l'allenatore del Milan.

"Suso? Voglio più gol. Kessié impari da Bonaventura"

Gattuso parla poi di singoli, iniziando da Suso leggermente in calo nelle ultime gare. "Fa le due fasi, è sempre disponibile. Attacca e difende. Fa l'esterno di centrocampo ed è in nuovo posto. Ci aspettiamo qualche gol dalla sua mattonella, ma è un giocatore che mi tengo stretto. Ci sta aiutando tantissimo e può dare qualcosa di più. Sono contento. Se Kessié può arrivare a 10 gol? Mi serve che faccia 15 chilometri a gara, non 10 gol. Può arrivare in doppia cifra sì, ma deve essere più lucido negli ultimi metri perchè arriva spesso al tiro, poi ha balistica importante e inserimenti. Serve che impari da Bonaventura come entrare in area". L'allenatore del Milan analizza poi il reparto difensivo, in crescita nelle ultime uscite: "Abbiamo subito solo tre gol perchè tutti stanno difendendo, attaccanti inclusi. Ci aiutiamo ed è merito del lavoro che i ragazzi fanno in settimana. Martelliamo sulla linea, sulle ripartenze, sulle coperture preventive. Per un allenatore è facile lavorare con una squadra che ti segue così. Fisicamente stiamo molto meglio di prima. Con la stanchezza fisica siamo quasi apposto, adesso serve far passare la stanchezza mentale. Che mostriamo soprattutto quando giochiamo ogni 3 giorni".

"Cutrone è tarantolato. André Silva titolare? Vediamo"

Gattuso parla poi di Cutrone, che potrebbe essere impiegato dal primo minuto anche domani. "Cutrone è pronto per fare tutto. Non deve perdere questo entusiasmo, è un tarantolato, ha il veleno dentro, sempre pronto e per noi è importantissimo. E' un ragazzo giovane che ci dà sempre una veemenza ed una carica incredibile. Riesce a fare gol, ma si sacrifica anche tantissimo. Calabria gioca come un quarantenne, con una tranquillità incredibile. La sua dote migliore è l'umiltà, non un tratto usuale per giocatori della sua età". Parole importanti anche su Conti, ormai vicino al recupero: "Sta facendo il riscaldamento con noi, ci sta dando sensazioni positive, ma è ancora presto. Ci vorrà un mese ancora prima che possa lavorare con la squadra. Vedo un ragazzo voglioso, che intanto lavora senza soffrire, ha grande mentalità e voglia. Io ho sbagliato con un infortunio e spero che non commetta i miei stessi errori. André Silva titolare? Vediamo, potrebbe essere". Battuta finale su Costacurta e il suo nuovo incarico in Federazione: "Sono contento, è una persona onesta e schietta, adesso ha un compito importantissimo, che si merita. Il calcio italiano passa soprattutto dalla Nazionale, ed è bene che Billy riesca nel suo compito. Spero che non sbagli la scelta dell'allenatore altrimenti se la prenderanno con lui", ha concluso Gattuso.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport