Lega Serie A, Gaetano Miccichè eletto presidente: "L'obiettivo è valorizzare il nostro calcio"

Serie A

Gaetano Miccichè è stato eletto presidente della Lega Serie A all'unanimità. I 20 club in assemblea a Milano hanno confermato il consenso unanime per il presidente di Banca Imi, la banca di investimento del Gruppo Intesa Sanpaolo

Gaetano Miccichè, 67 anni, presidente di Banca Imi (gruppo Intesa Sanpaolo), è il nuovo presidente della Lega di Serie A. Lo ha eletto all'unanimità l'assemblea che riunisce i 20 rappresentanti dei club della massima categoria calcistica del paese.

Con la sua elezione, Miccichè interrompe un interregno durato quasi 12 mesi, durante i quali la Lega è stata 'governata' da due commissari, Carlo Tavecchio prima e Giovanni Malagò poi. Un lungo commissariamento resosi necessario a causa dello stallo creatosi dopo che gli esponenti della Confindustria del calcio non avevano trovato un accordo per nominare il successore di Maurizio Beretta, al vertice della Lega per due mandati consecutivi, dal 2010 al marzo del 2017.

Miccichè entrerà in carica quando sarà rinnovata completamente la governance, con l'ad, i quattro consiglieri di Lega, quello indipendente e i due federali, e si concludera' quindi il commissariamento affidato al presidente del Coni, Giovanni Malagò.
E' stato lo stesso Malagò a indicare ai venti club la candidatura del banchiere palermitano classe 1950, il secondo presidente della Lega Serie A dopo il giornalista Maurizio Beretta, in carica per due mandati, dalla divisione fra A e B nel 2010 fino al 27 marzo 2017, quando il Consiglio federale ha dichiarato decaduti gli organi della Lega di fronte allo stallo nel rinnovo delle cariche. E' seguito un doppio commissariamento, prima con l'allora presidente federale Carlo Tavecchio e poi con quello di Malagò.

Tifoso del Milan, appassionato di sport a 360 gradi, Miccichè da giovane giocava a pallone da mediano, era tennista classificato e se la cavava anche nel nuoto. Da oltre quindici anni nel circuito bancario, ha in curriculum un MBA alla Bocconi, esperienze nel risanamento di gruppi industriali, è membro del Consiglio di Rcs presieduto da Urbano Cairo, nonché fratello del politico di Forza Italia Gianfranco, e dell'ex vicepresidente del Palermo Guglielmo.

Malagò: "Miccichè banchiere ma anche uomo di sport"

Il nuovo presidente della Lega calcio di Serie A, Gaetano Miccichè, "non è sbagliato definirlo un
banchiere, ma per me è anche un uomo di sport, una persona appassionata, competente e molto vicina al nostro mondo; e questo è un grande valore aggiunto". È quanto ha affermato il commissario della Lega, Giovanni Malagò, al termine dell'assemblea della Confindustria del calcio che ha nominato quale proprio presidente il numero uno di Banca Imi (gruppo Intesa Sanpaolo).

Il commissario della Lega calcio, Giovanni Malagò, punta a "completare il mio lavoro entro i prossimi 2 mesi". Lo ha affermato lo stesso Malagò al termine dell'assemblea della Lega che ha nominato quale proprio presidente Gaetano Miccichè. Malagò, infine, ha spiegato che il prossimo 27 marzo si riunirà un'altra assemblea della Lega "in cui si porteranno avanti temi riguardanti la nomina dell'amministratore delegato, dei 4 consiglieri di Lega e dei 2 consiglieri federali".

Miccichè: "Orgoglioso di diventare presidente, l'obiettivo è valorizzare il nostro calcio"

Il nuovo presidente eletto ha poi tenuto un breve discorso ringraziando tutto e dicendosi orgoglioso dell'incarico conferitogli: "L'obiettivo è valorizzare il nostro calcio. Voglio portare serietà e condivisione".

Chi è Gaetano Miccichè, il banchiere chiamato a rilanciare la Lega A

Palermitano, classe 1950, Gaetano Miccichè è il nuovo presidente della Lega di Serie A, eletto oggi a Milano all'unanimità dai club della massima serie. Fratello di Gianfranco, già presidente dell'Assemblea regionale siciliana e più volte ministro, Miccichè si laurea in giurisprudenza nel 1984. La sua carriera professionale è iniziata nel febbraio del 1971 presso la Cassa Centrale di Risparmio delle Province Siciliane raggiungendo la carica di Responsabile della Clientela Corporate.

Dopo aver conseguito un master in business administration alla Bocconi di Milano nel 1989 è nominato direttore centrale Finanza di Rodriquez S.p.A., società leader mondiale nel settore della navigazione veloce. Nel novembre 1992 ha assunto la carica di direttore generale e successivamente quella di Liquidatore Delegato della Gerolimich-Unione Manifatture. Nel gennaio 1996 è stato nominato direttore generale di Santa Valeria S.p.A. Nell'ottobre 1997 diventa amministratore delegato e direttore generale di Olcese S.p.A. Nel giugno 2002 entra in Banca Intesa.

Membro del Consiglio di RCS S.p.A., dell'Associazione bancaria italiana (Abi) e del Comitato scientifico del Politecnico di Milano, il 31 maggio 2013 Miccichè è stato nominato cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Presidente di Banca Imi da aprile 2016, precedentemente è stato direttore generale e membro del Consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo. Responsabile della Divisione Corporate e Investment Banking di Intesa Sanpaolo da gennaio 2007 ad aprile 2016 e amministratore delegato di Banca Imi da ottobre 2007 a marzo 2015.

I più letti