Chievo, prosegue il lavoro verso la Sampdoria

Serie A
L'allenamento del Chievo di Maran
chievo_allenamento

Presente all'evento KickOffers, Campedelli ha parlato del futuro di Maran: "Rischio esonero? Non penso a perdere ma a vincere la prossima sfida, non mi preoccupo adesso della sconfitta. Se l’allenatore non avesse la mia fiducia, l'avrei già cambiato"

Anche quest’oggi il Chievo di Rolando Maran si è ritrovato in campo per la sessione di allenamento programmata: dopo la doppia seduta di allenamento di ieri a Veronello - divisa tra la mattinata in palestra e il pomeriggio in campo - l’allenatore e il suo staff tecnico hanno nuovamente guidato il gruppo nel lavoro odierni, per arrivare così al massimo della condizione al prossimo appuntamento che vedrà i veronesi impegnati contro la Sampdoria in casa, al Bentegodi. L’obiettivo è quello di tornare a vincere per cancellare il ko di San Siro contro il Milan e trovare così altri punti pesanti per la salvezza. Chi si è mostrato tranquillo in vista del finale di stagione è il presidente del Chievo Luca Campedelli. Presente all'evento KickOffers a Milano, il numero uno del club gialloblù ha parlato anche della situazione dell’allenatore: "Se Maran è a rischio esonero? Non penso a perdere ma a vincere con la Sampdoria, non mi preoccupo adesso della sconfitta. E' poco elegante chiedere se l’allenatore potrà rischiare 'in caso di'. Poi, per carità, servirà vedere la partita ma Maran è e sarà l'allenatore del Chievo e non si pone il problema. Non avesse la mia fiducia, l'avrei già cambiato. Quelli che hanno il 99% di fiducia, non sono tecnici del Chievo Verona".

Poi, sulla squadra, Campedelli ha aggiunto: "Sono tranquillo, non abbiamo fatto ottime prestazioni ma non eravamo fenomeni prima e non siamo dei brocchi adesso. L'obiettivo è sempre stato la salvezza fino all'ultimo secondo dell'ultima partita. Gli anni scorsi eravamo stati abituati troppo bene, ci sta di soffrire. Dobbiamo serrare le fila e andare avanti, adesso, senza paura. E come ho detto quello che conta ora è tornare a vincere contro la Sampdoria. La Serie A è più dura? Sì, è più difficile, per certi versi ci siamo messi nei guai da soli. Però possiamo venirne fuori, dobbiamo essere bravi noi. Tutto qua. Poi è normale che tutti facciano di tutto per salvarsi. In caso di retrocessione? Pensiamo alla salvezza, è presto per parlare di questo. Tireremo le somme tra dieci partite. Ne parleremo, forse, più avanti. Adesso non è mia intenzione farlo", ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.