Crotone-Bologna, Donadoni: "Serve rabbia prima, non dopo"

Serie A
Roberto Donadoni, Bologna (Getty)

L’allenatore: "La classifica deve essere ininfluente: devo sempre dare l'anima perché sudo tutta la settimana per quello, poi posso giocare bene o male ma questo non ha niente a che vedere con il dare tutto o il dare solo l’80%"

Sconfitta esterna per il Bologna, che allo Scida viene sconfitto 1-0. Decide un gol di Simy nel primo tempo, si interrompe così la striscia positiva dei rossoblù che restano quindi fermi a quota 35 punti - all’11° posto in classifica. Nel prossimo turno la squadra di Roberto Donadoni affronterà l’Hellas Verona in casa e così, dopo il novantesimo, l’allenatore ha analizzato la sfida di oggi, il risultato e la prestazione. Queste le sue dichiarazioni a Sky Sport: "In termini di occasioni non abbiamo concesso granché, ma sicuramente non abbiamo interpretato i primi 45’ come dovevamo. Ci voleva una partita di carattere, di lotta, di contrasto su ogni singolo pallone. Non sono riuscito a trasmettere tutto questo alla squadra e me ne prendo la responsabilità. Nel secondo tempo abbiamo fatto una prestazione diversa. Ma ci siamo accentrati troppo anziché giocare sugli esterni e siamo stati poco lucidi. Questo ha fatto la differenza e ci ha tolto certezze. Sono dispiaciuto per la squadra e per quei tifosi che hanno fatto tutta questa strada per seguirci. Fare risultato oggi voleva dire chiudere il nostro campionato, ma abbiamo perso un’opportunità".

E ancora: "Essere arrabbiati dopo vale poco: bisognava essere arrabbiati prima. Quello che mi disturba è pensare una cosa del genere. La classifica deve essere ininfluente: devo sempre dare l'anima perché sudo tutta la settimana per quello, poi posso giocare bene o male ma questo non ha niente a che vedere con il dare tutto o il dare solo l'80%. Non abbiamo giocato come dovevamo, tasto su cui avevamo battuto in settimana. Poi non siamo stati lucidi. Tutto questo mi brucia e fa rabbia così come fa rabbia ai ragazzi perché i tifosi che hanno fatto tanta strada meritavano di più da questo punto di vista. Il gol di Simy? Dopo aver lasciato fare il cross eravamo in 4 difensori, 5 con il portiere, e abbiamo lasciato tirare l'avversario liberamente. Adesso la partita di domenica diventa focale per il nostro campionato; oggi potevamo chiuderlo e invece non lo abbiamo fatto per demerito nostro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.