Napoli, Sarri: "La vittoria è merito dei tifosi. Risultato logico, abbiamo dominato"

Serie A
Maurizio Sarri, allenatore del Napoli (getty)

L'allenatore azzurro dopo il 2-1 al Chievo in rimonta: "Abbiamo dominato dall'inizio alla fine, giusto avere vinto. Milik? Può giocare titolare in qualsiasi modulo, ancora non ha i 90' nelle gambe". Sul rinnovo: "In questo momento neanche mi interessa, vedremo. Sono valutazioni da fare con calma"

NAPOLI-CHIEVO 2-1: IL RACCONTO

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICA

Dalla rabbia alla gioia, dall’amarezza alla speranza: il Napoli si scuote in pochissimi minuti e torna in corsa per lo Scudetto. Quella contro il Chievo aveva preso le sembianze di una partita stregata, prima che, negli ultimi istanti, Milik e Diawara la ribaltassero. Un 2-1 in rimonta che permette agli azzurri di tirare un sospiro di sollievo e di restare a 4 punti di distanza dalla Juventus prima. Così Maurizio Sarri dopo il 90’: “Ci fa piacere avere dato un risultato logico allo svolgimento della partita - ha detto - Abbiamo dominato dall’inizio alla fine. Abbiamo commesso solo un errore difensivo, abbiamo colpito ancora dei pali e sbagliato un rigore: è finita come avrebbe dovuto”. Su Milik: “È bello per lui e per noi che abbia segnato: abbiamo vissuto insieme il periodo dell’infortunio, non è stato facile. Arek può giocare titolare in qualsiasi modulo, l’unico problema in questo momento è che è reduce da due stop lunghi e ha perso 13 mesi di allenamento. Gli servono minuti, gli spezzoni di partita li regge alla grande. Ancora ho dubbi che possa avere i 90’: quando ci toglieremo il dubbio potrà giocare da titolare”.

"Pubblico stupendo. Rinnovo? Vedremo, non è priorità"

Napoli che ha vinto ancora una volta ribaltando il risultato, apparso forse un po’ scarico mentalmente contro il Chievo: “È un’opinione che non condivido - aggiunge Sarri - Una squadra scarica oggi, con questo clima caldo, non avrebbe vinto. È un momento in cui le scelte in fase offensiva non sono perfette, l’importante è continuare a creare e a crederci. Normale in un campionato lungo che ci siano periodi così, è quasi inevitabile”. Su cosa resta dopo questa gara: “Due sensazioni: la prima è che la squadra ha risposto bene al primo caldo stagionale; la seconda è che abbiamo un pubblico stupendo, che penso che oggi ci abbia portato ai tre punti. Se lo lascerò? Dal punto di vista emotivo questo pubblico non lo lascerò mai”. E sul rinnovo… “Vediamo, sinceramente non mi interessa neanche in questo momento. Sono valutazioni da fare con calma e quando avremo le idee chiare su cosa fare il prossimo anno”, ha concluso l’allenatore azzurro.

Milik: "Sono contento, ho avuto mesi duri"

A dare il via alla rimonta lampo del Napoli Arkadiusz Milik, tornato al gol dopo il pesante doppio infortunio al ginocchio: "Questo è un pomeriggio buono perchè abbiamo vinto, ho fatto gol e sono molto felice - ha detto - La cosa più importante è la vittoria, siamo tutti contenti e lo sono anche i tifosi. Andiamo avanti e guardiamo alle prossime partite. Segnale alla Juve? La strada è ancora lunga, siamo tranquilli ed abbiamo tanto rispetto per la Juve. Non è finita ma la strada è ancora lunga, ci sono ancora tane partite. Per me un nuovo inizio dopo il gol di oggi? Sono molto felice, ho fatto gol dopo l'infortunio, per me sono stati mesi molto duri".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.