Inter, Maicon: "Quando vinci il Triplete in una squadra così, resti nella storia per sempre"

Serie A

Dall'anno perfetto con i nerazzurri (il 2010), al periodo con la Roma, all'importanza di José Mourinho: il brasiliano si racconta nella prossima puntata de "I Signori del calcio" in onda sabato 14 aprile alle 19:15 su Sky Sport 1 (e in replica domenica 15 aprile alle 12:30 su Sky Sport 3)

Il Triplete, Mourinho, la Roma e Francesco Totti. Ma non solo. Protagonista della prossima puntata de "I Signori del calcio" in onda sabato 14 aprile alle 19:15 su Sky Sport 1 (e in replica domenica 15 aprile alle 12:30 su Sky Sport 3), Maicon Douglas, fenomenale terzino destro brasiliano dell’Inter che vinse tutto nel 2010 si è lasciato andare ai ricordi, ripercorrendo gli anni italiani di una carriera molto importante. Inevitabile partire dalla vittoria più attesa con i nerazzurri: la Champions League. "Per me sicuramente il momento più importante è stato a Kiev, contro la Dinamo - spiega -. Perché lì abbiamo cambiato la nostra stagione […] Poi con il Barcellona: mi ricordo bene quando Thiago Motta è stato espulso, abbiamo parlato fra me Lucio, Samuel, Chivu e Zanetti, e ci siamo detti: 'Ragazzi adesso dobbiamo dimostrare il nostro lavoro in difesa, perché oggi dobbiamo far vedere cosa facciamo in allenamento'. E così è stato, abbiamo difeso bene, perché Eto’o faceva il terzino sinistro, Pandev faceva il terzino destro. A noi serviva difendere. Quindi è andata bene […] In quel momento per la gente è facile pensare che dopo che passi con il Barcellona prendi il Bayern Monaco e vinci. Ma non è così, era una partita difficile, l’abbiamo affrontata nel migliori dei modi ed è andata bene alla fine perché abbiamo fatto una partita secondo me perfetta. È difficile vincere il Triplete. Però sono dei bei ricordi, perché quando arrivi a fare una cosa del genere in una società come l’Inter, sicuramente rimarrai nella storia per sempre”.

L’importanza di José Mourinho

"È stato corretto con tutti […] ha detto quello che voleva dai giocatori, e tutti hanno capito subito che personaggio era. Quando è arrivato lui è iniziato il momento che il Presidente voleva, quello di vincere una competizione importante. Quando lui è arrivato abbiamo capito subito che quello era il momento. Aveva dato un foglietto ai giocatori e lì diceva tutto quello che voleva da ognuno. Qualcuno ha letto, qualcuno no, e quelli che non hanno letto hanno sbagliato, perché lì c’era tutto. Nel mio modo di pensare, lui è bravissimo a mettere i giocatori in condizione di fare le grandi partite. Mentalmente è proprio speciale".

I derby vissuti con Inter e Roma

La sfida cittadina tra Roma e Lazio è vicina, ma Maicon ne ha vissute davvero tante: anche a Milano: “Il derby romano è una partita veramente speciale. Il mio primo derby tutta la gente diceva: “Dai, adesso dobbiamo vincere”. Perché era successa quella finale di Coppa Italia che la Roma aveva perso. E quindi il primo derby successivo lo dovevi vincere. È andata bene perché abbiamo vinto 2-0, ed è stato perfetto. La partita che sentivo di più però era il derby contro il Milan, perché è un derby speciale. Come abbiamo vinto il primo, è stato importante. Sentivo di più la partita contro il Milan che contro la Juve”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche