Milan, Borini: "Io, calciatore anomalo. Merito di essere qui"

Serie A
Borini, Milan (Getty)

Il giocatore rossonero si racconta: "Voglio dimostrare di essere da Milan e un po' l'ho già dimostrato. Sono un calciatore anomalo, duttile e riservato. Corro tanto, ma non definitemi solo generoso"

MILAN-NAPOLI, TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 32^ GIORNATA

Al Milan è arrivato tra lo scetticismo di molti, con il passare dei mesi però Fabio Borini ha dimostrato di essere un elemento prezioso per la rosa rossonera: 24 presenze in campionato e 1 gol, 8 presenze in Europa League arricchite da due reti, altre tre presenze in Coppa Italia e altrettante nei preliminari di Europa League (con un gol). Davvero niente male per chi al Milan è arrivato in punta di piedi e, allenamento dopo allenamento, è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante con Montella prima e Rino Gattuso poi. "Mi definiscono spesso come un calciatore generoso, però a volte un po' mi scoccia la cosa. E' un appellativo che mi hanno dato perchè corro tanto e mi adatto a ogni ruolo, ma non voglio che sia la sola cornice dentro la quale comprendere le mie caratteristiche. Ho detto a Gattuso che se da attaccante devo trasformarmi in terzino, voglio lavorarci su seriamente per evitare errori di posizione come quello che qualche settimana fa ci è costato il provvisorio pareggio del Chievo", parla così Fabio Borini nel corso di un'intervista rilasciata a SportWeek.

"Sono uno da Milan e un po' l'ho già dimostrato"

"Qui al Milan voglio dimostrare che posso stare in Italia, che da qui non sono scappato e che sono uno da Milan. E un po' l'ho già dimostrato", ha ammesso Fabio Borini. Il jolly rossonero poi aggiunge: "Sono un calciatore anomalo, duttile e riservato. Perchè faccio tante cose che in genere non fanno altri colleghi, tipo andare in centro con la bicicletta. L'ho fatto anche alla prima cena di squadra e miei compagni mi hanno preso in giro. Adesso ho pure ordinato il cestino per la bici. Corro tanto? E' genetico, mia mamma lo fa e anche mio padre", ammette Borini. Che in Italia è tornato la scorsa estate dopo l'esperienza in Premier League: "Cosa porterei dall'Inghilterra? La loro mentalità, anche nel divertimento. Anche se hanno 20 minuti, sanno come sfruttarli. Noi li lasciamo scorrere per pensare a come svagarci. Agli inglesi invece darei la nostra cultura per il cibo", ha concluso Fabio Borini.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.