Atalanta, c’è il Genoa: in tre a parte

Serie A
Leonardo Spinazzola, Atalanta (Getty)
spinazzola_atalanta_getty

L’allenatore oggi ha diretto una seduta sul campo numero cinque del centro Bortolotti di Zingonia: il programma prevedeva un lavoro atletico, tecnica, tattica e partitella finale e all’allenamento non hanno preso parte Melegoni, Rizzo, Spinazzola

L’Atalanta prepara il prossimo impegno in campionato contro il Genoa per continuare a inseguire il suo obiettivo Europa. La prossima sarà una gara certamente particolare per l’ex di giornata Gian Piero Gasperini che quest’oggi ha diretto un allenamento pomeridiano. Come si legge sul sito ufficiale della società bergamasca, Gomez e compagni sono scesi in campo in vista della trentacinquesima giornata di serie A, che vedrà i nerazzurri impegnati contro il Genoa allo stadio di Bergamo (domenica alle ore 15). L’allenatore oggi ha dunque diretto una seduta sul campo numero cinque del centro Bortolotti di Zingonia: il programma prevedeva un lavoro atletico, tecnica, tattica e partitella finale. Questo il percorso seguito nell’allenamento a cui non hanno preso parte Melegoni, Rizzo, Spinazzola. Per loro lavoro differenziato. Per la giornata di domani, sempre a Zingonia, è prevista la rifinitura a porte chiuse. Protagonista in campo e anche fuori è stato quest’oggi Remo Freuler, che è stato intervistato sulle pagine del Corriere di Bergamo. Queste le parole del calciatore nerazzurro che ha così parlato in vista di questo finale di stagione.

"I gol? Ogni giocatore vuole segnare, spero di farlo ancora. Soprattutto se aiuterà l’Atalanta a raggiungere il suo obiettivo. L'Europa? Meglio, il sesto posto. Secondo me con sei o sette punti nelle ultime quattro gare possiamo ottenerlo. Peccato per alcuni passi falsi in casa, altrimenti oggi eravamo più tranquilli. Per quanto riguarda Gosens posso dire che lui e gli altri ragazzi ci stanno dando una grossa mano. E sono migliorati tantissimo. Quello che ha avuto la crescita più importante è proprio Robin. Sia a livello tattico che tecnico e di personalità. Barrow è molto bravo e si allena seriamente. Deve continuare con questo atteggiamento. Il futuro? Io sto bene a Bergamo e ho un lungo contratto che mi lega alla società. E poi, dico che è sempre più difficile andarsene via dall’Atalanta perché è da due stagioni che è là in alto. E questo conta molto nelle valutazioni di un giocatore. Tutti si aspettavano un calo, ma io sapevo che avremmo retto fino alla fine. Se resto? Come ho detto sto bene e la squadra è maturata tantissimo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.