Fiorentina, Pioli: "Volevamo gettare le basi per il futuro"

Serie A
Stefano Pioli, Fiorentina
pioli_ok

L’allenatore viola: "La stagione è positiva, abbiamo rispettato le aspettative, volevamo mettere in condizioni i giocatori di migliorare. Ad inizio stagione, non in molti si sarebbero aspettati di vederci ottavi o noni"

Una stagione che sta per concludersi, è tempo di bilanci anche in casa Fiorentina. La squadra di Stefano Pioli affronterà nell’ultima sfida in calendario il Milan a San Siro e nella classica conferenza sarda della vigilia l’allenatore viola ha avuto modo di parlare di alcuni momenti vissuti durante la stagione e anche del futuro: “La stagione è positiva - ha detto Pioli - abbiamo rispettato le aspettative, volevamo gettare le basi per una squadra solida e mettere in condizioni i giocatori di migliorare. L'importante era gettare le basi per costruire la Fiorentina del futuro. Se ci chiedevano ad inizio stagione di arrivare ottavi o noni non in molti se lo sarebbero aspettato. Mercato? Le mie indicazioni su cosa servirà e su cosa è mancato le ho fatte, non siamo partiti da zero ma quasi e se vogliamo migliorare servono giocatori giusti al posto giusto e avere unità d’intenti sul progetto tecnico da portare avanti. Al di là delle caratteristiche, serviranno giocatori di personalità. La società ha fatto un’offerta di rinnovo a Badelj e il giocatore deciderà entro la prossima settimana, sapete tutti quanto sarei contento se rimanesse non solo per l’apporto che dà sul campo ma per la guida che è nello spogliatoio".

E ancora: "La società dice che non c’è bisogno di vendere, anche se so benissimo che il mercato porta situazioni nuove, è lungo e non posso promettere niente. Mi piacerebbe portare avanti il lavoro che stiamo facendo e quasi tutti hanno ancora margini di miglioramento, perché molti sono giovani e alla prima stagione in Italia: c’è materiale grezzo sul quale lavorare. Se il campionato fosse iniziato a settembre potevamo andare in Europa, perché la squadra è stata assemblata tardi, ma quelle due partite iniziali ci hanno condannato. La squadra è cresciuta nelle sconfitte. Rivelazioni? Veretout non lo conoscevo pur avendolo visto al video tante volte. Già dalla prima amichevole a Lisbona ha fatto vedere che giocatore è, può essere ancora più determinante in fase offensiva nonostante abbia già segnato tanto con assist e inserimenti. Domani andremo tutti a Milano, anche Badelj e Laurini che sono acciaccati e Veretout che è squalificato. Valencic potrebbe giocare”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.