Benevento, De Zerbi: "Avremmo potuto fare di più"

Serie A
Roberto De Zerbi, Benevento (Getty)

"Nonostante il risultato finale, se le cose sono fatte bene alla fine arriva il riconoscimento da parte di tutti - ha detto l’allenatore - da parte mia prevale il rammarico di non aver avuto questa rosa dall'inizio perché penso che si sarebbe salvata alla grande"

Termina con una sconfitta il campionato del Benevento, i giallorossi di Roberto De Zerbi non riescono a conquistare altri punti prima di dire arrivederci alla Serie A e ripartire così dalla B nella prossima stagione. Al Bentegodi in Chievo vince 1-0 e alla fine la formazione campana chiude ultima a quota 21 punti. Un addio diverso da quello sperato per l’allenatore, che nelle scorse ore aveva annunciato la separazione del club e che nel post partita ha parlato così della gara e del futuro: “Potevamo ottenere più punti in questo girone di ritorno. La mia è stata una decisione molto combattuta e che mi rende triste. Lascio delle persone a cui sono legato molto. Da cosa bisogna ripartire? Sicuramente da Vigorito, dal direttore Foggia e da questa gente che soprattutto nel finale di campionato ha dimostrato di amare molto i colori giallorossi. Nonostante il risultato finale, se le cose sono fatte bene alla fine arriva il riconoscimento da parte di tutti”.

E ancora, sulle sensazioni provate in questa avventura in giallorosso: “Da parte mia prevale il rammarico di non aver avuto questa rosa dall'inizio perché penso che si sarebbe salvata alla grande. Sono migliorato sotto tutti i punti di vista: utilizzo vari sistemi di gioco partendo dalle caratteristiche dei calciatori, leggo meglio la gara e riesco a gestire i momenti difficili. E' stata dura ripartire il martedì da sconfitte pesanti, soprattutto nel far credere ai calciatori che bisognava crederci fino a quando non sarebbe arrivato il verdetto. Anche dopo di esso occorre difendere la maglia e sé stessi. Il mio futuro? Dico sempre la verità. Se avessi comunicato la volontà di restare in serie A nessuno mi avrebbe detto nulla. Non ho paura di ripartire, ho scelto in maniera diversa rispetto al passato e forse anche questi aspetti mi hanno condizionato. Non so dove andrò e ho la consapevolezza che dopo una retrocessione non si può ripartire dallo stesso tecnico. La certezza è che avremmo potuto fare di più. Il resto lo lascio dire agli altri”, ha aggiunto De Zerbi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.